vibrazione energetica

QUANTO BENE CONOSCI LA TUA VIBRAZIONE ENERGETICA?

 
Tu e tutto sulla Terra, compresa la Terra stessa, siete fatti di energia. La Terra vibra a 528 MHz, che è la vibrazione della pace e dell’amore. John Lennon ha registrato la sua canzone, Imagine, a 528 MHz per questo motivo. Gli esseri umani che vibrano energicamente a 500 MHz e oltre vibrano alla frequenza dell’amore. Quando abbiamo una vibrazione energetica inferiore a 500 MHz, è dovuto a pensieri e comportamenti negativi oltre che alla paura.
 
Una bassa vibrazione energetica può causare malattie nel corpo, nella mente e nello spirito. Infatti, la malattia si manifesta nel corpo energetico prima che nel corpo fisico. Ci sono molti tipi di scansioni bioenergetiche e modalità di test energetici che possono rilevare cambiamenti energetici e punti caldi che rappresentano la malattia o dove la malattia si manifesterà presto se non vengono effettuati cambiamenti. Al fine di essere sani e felici, è necessario adottare misure per eliminare e proteggersi da cose, persone ed eventi che abbassano la vostra vibrazione. È altrettanto essenziale fare cose che aumentano la vostra vibrazione energetica.
 

 13 cose che abbassano la tua vibrazione energetica e cosa puoi fare al riguardo:

 
1. Persone quali amici, parenti, colleghi di lavoro, capi, ecc. che sono sempre scontrosi, negativi, che si lamentano e ti portano giù energicamente. Cercate di escludere questo tipo di persona dalla vostra vita. Imparate gli strumenti per proteggere la vostra energia. [Non sempre è possibile escludere o tagliare i rapporti con alcune persone della nostra vita, ma impara a schermarsi e non dare loro presa e potere sui nostri pensieri ed emozioni, fa la differenza]
 
2. Guardare sport violenti come la boxe o il MMA (mixed martial arts). Può essere di intrattenimento. Ogni volta che le guardi, stai abbassando la tua vibrazione, quindi devi scegliere cosa è più importante, un corpo/mente/spirito sano o guardare sport violenti[Vale lo stesso per video-game violenti]
 
3. Guardare programmi televisivi basati sulla criminalità violenta e film o film horror con scene di sangue, orrore e violenza.
 
4. Frequenze Elettro Magnetiche (CEM) da telefoni cellulari, computer, dispositivi elettronici, televisori e altre fonti (a.k.a. Elettrosmog). Ridurre al minimo l’esposizione a queste fonti. [ Per Approfondimenti: “Manuale di autodifesa per elettrosensibili, come sopravvivere all’elettrosmog di Smartphone, Wi-Fi e antenne di telefonia mobile. Mentre arrivano 5G e Wi-Fi dallo spazio” -Terra Nuova Edizioni ]
 
5. Radiazioni da telefoni cellulari, computer e altre cose. Acquistare dispositivi di protezione o assumere un integratore di iodio. Assicuratevi di consultare il vostro medico prima di iniziare un integratore di iodio. [Gli americani utilizzano tantissimi integratori, non li prenderei così tanto alla leggera, soprattutto sullo iodio avrei molta cautela e li assumerei sotto consiglio di un ottimo nutrizionista (più che medico generico) esperto]
 
6. Stress e pensieri e credenze negative. Tutti i pensieri e le credenze negative vibrano a bassa frequenza energetica, che causano malattie nel corpo e sono anche memorizzati nella vostra memoria cellulare. Il pensiero negativo rilascia anche l’ormone dello stress cortisolo nel vostro corpo. È necessario imparare a gestire lo stress e riprogrammare i pensieri da negativi a positivi.
 
7. Un linguaggio negativo. Ogni volta che giudicate, criticate o dite qualcosa di negativo a o su qualcuno, state abbassando la vostra vibrazione.
 
8. Discussioni e litigi. Ogni volta che discuti o litighi con qualcuno, la tua vibrazione viene abbassata. Guardare gli altri discutere e litigare abbassa anche le vibrazioni. [Pensate a tutti quei programmi che sono TV-spazzatura, che spaziano dai programmi di opinionisti alle tribune politiche dove si urlano e “vomitano” addosso ogni sorta di imprecazione]
 
9. Mantenendo il rancore o il non perdono. Questo non solo abbassa la vostra vibrazione, ma ha un impatto negativo sul cuore, sul seno, sui polmoni e sul sistema circolatorio.
 
10. Avere una cattiva alimentazione. Alcuni dei molti alimenti che abbassano le vibrazioni e ti fanno ammalare includono cibi altamente trasformati, fast food, cibi fritti, grassi idrogenati, cibi contenenti zuccheri bianchi trasformati (biscotti, caramelle, gelati), OGM, mangiare glutine quando sei intollerante al glutine o hai la celiachia [La quantità di glutine che addizionano ai cibi lievitati o alle farine 00 fa male a chiunque], soia che è OGM e non è stata fermentata, alimenti che contengono sostanze chimiche e conservanti.
 
11. Esposizione a prodotti chimici e tossine nei nostri alimenti, acqua, ambiente, prodotti chimici per la pulizia della casa, pesticidi e molto altro ancora. Limitare l’esposizione a sostanze chimiche e tossine e fare una regolare disintossicazione del corpo per sbarazzarsene. [ Molti dei prodotti che ci vengono proposti sono inutili, servono solo alle aziende a fare business senza curarsi del fatto di immettere tante sostanze chimiche inquinanti in Madre Terra e fuori e dentro noi ]
 
12. Fumo o assunzione di droghe[ Assumere sostanze che creano dipendenza e ci danno stati di assuefazione, minano la nostra capacità di mantenere i nostri sani confini da energie esterne negative ed entità negative ]
 
13. Bere troppo alcool[ come sopra al punto 12 ]
 

18 cose che puoi fare per aumentare la tua vibrazione energetica:

 
1. Praticare quotidianamente dando e ricevendo amore, gentilezza, compassione e perdono. Assicuratevi di dare queste cose anche a voi stessi.
 
2. Mantenere una dieta sana e antinfiammatoria che consiste principalmente di frutta [frutta – dipende quale tipo, in che quantità e quando viene assunta. La frutta contiene naturalmente zucchero sotto forma di fruttosio, ed alcuni frutti sono più zuccherini rispetto ad altri] e verdura, cereali sani e proteine.
 
3. Praticare la meditazione quotidiana. Fate un po’ di yoga, Qi-gong o tai chi il più possibile. [ O qualsiasi pratica sentiate faccia bene a voi ]
 
4. Spiritualità e preghiera. La preghiera aumenterà la tua vibrazione e anche ad essere una persona spirituale. [ Da tempo ho creato le mie personali preghiere, invece di quelle create da qualcun altro, per il mio personale rapporto con il divino e il piano della Creazione ]
 
5. Esercizio quotidiano. [ anche solo camminare per circa 20 minuti al giorno, meglio se in natura ]
 
6. Prendi almeno 7-8 ore di sonno ogni notte. Questo è il tuo caricabatterie. Mancanza di sonno = mancanza di energia.
 
7. Guardare programmi televisivi, video e film edificanti o educativi.
 
8. Guarda o ascolta la commedia.
 
9. Scegliere di uscire con persone che la pensano allo stesso modo, positive, edificanti, solidali e affettuose.
 
10. Utilizzare esercizi di protezione energetica ogni giorno.
 
11. Praticare il Reiki e pulire e bilanciare i chakra[ O altre tecniche energetiche utili allo scopo ]
 
12. Praticare Earthing. Consiste nel camminare a piedi nudi all’esterno o nel mettere la schiena contro un albero. Trascorrere il tempo in natura. In Giappone, si pratica il “Forest bathing”, dove si cammina attraverso la foresta e si possono sentire tutti gli odori, le immagini e i suoni.
 
13. Partecipate a corsi e workshop di metafisica, spiritualità o qualsiasi tipo di educazione che espande la vostra mente e il vostro spirito.
 
14. Trascorrete del tempo con animali domestici o animali che vibrano alla frequenza dell’amore incondizionato al 100%.
 
15. Utilizzare oli essenziali. 
[ Ma anche incensi, quelli “buoni” di qualità mi raccomando, non quelli tossici ]
 
16. Aiutare l’umanità essendo di servizio. Ogni volta che aiutiamo qualcuno o serviamo il bene superiore, aumentiamo la nostra vibrazione.
 
17. Concentrarsi sul pensiero positivo, le credenze positive, i sentimenti positivi e recitare mantra positivi.
 
18. Assicuratevi di ripulire regolarmente la vostra energia almeno una volta alla settimana. Bastano solo pochi minuti e l’intenzione di liberare la vostra energia.
 
[Lavorare su di Sè, magari ogni 6mesi, eseguendo una Lettura Akashica “Messaggi dal Sè” è un ottimo esercizio per il ripristino e/o mantenimento di una ottima vibrazione energetica personale. ]
 
 
FONTE: Questo articolo è ripreso da Om Times Magazine, © [July 18, 2015], ed è disponibile su http://OMTimes.com/
Autore: Kimberly Palm
Estratto, tradotto e adattato da: ESPAVO: LetturaAkashica & TecnicheEnergetiche 
[Tutti i miei commenti e/o approfondimenti all’articolo originale presentano font del colore di questo testo chiusa tra parentesi quadre]
Condividere citando la fonte Crea Buon Karma 🙂

 

angeli e maestri ascesi, spiritualità

Angeli e maestri ascesi: Smettete di invocarli

Ti connetti con Angeli e Maestri Ascesi come parte del tuo lavoro spirituale?

Perché dovresti smettere di invocare angeli e maestri ascesi

Se ti connetti con angeli e maestri ascesi nel tuo lavoro spirituale, quello che sto per condividere potrebbe scuotere il tuo sistema di credenze fino al midollo. Per favore, ascoltami, perché ciò che sto per rivelare è fondamentale per la purificazione della nostra coscienza collettiva. Mentre portiamo il processo di ascensione del pianeta Terra al livello successivo, il modo in cui interagiamo con le forze spirituali deve essere affrontato e adeguato.

Se invochi angeli o maestri ascesi per aiutarti con la guarigione o la crescita spirituale, ti consiglio vivamente di smetterla. Non perché questi esseri non esistano come certamente fanno. Piuttosto, quando fai appello a questi esseri di dimensione superiore, non hai davvero alcun controllo su chi o cosa effettivamente risponderà. Ci sono una pletora di entità che risiedono nel regno astrale che non hanno i tuoi migliori interessi a cuore e sono abili nell’ingannandoti a credere che siano l’angelo o il maestro asceso che cerchi.

La verità è che quanto il tuo ego vorrebbe convincerti del contrario, è difficile distinguere tra luce reale e luce falsa. Questi parassiti e vampiri sono molto intelligenti in quello che fanno, la loro sopravvivenza dipende da questo! Il loro unico scopo è nutrire l’ energia di adorazione e ammirazione.

Avete notato quante persone ci sono in questo momento affermando di essere la reincarnazione di Gesù, l’Arcangelo Michele, Maria Maddalena o una qualsiasi delle molte icone angeliche popolari? Ci sono letteralmente centinaia di persone che affermano di essere il Gesù, l’Arcangelo Michele o la Maddalena. Queste persone formano identità elaborate e accumulano seguaci basati su questi fatti. Questo non è meno che una forma di vampirismo energetico.

Ricorda le nozioni di base importanti nel lavoro spirituale

È logico che chiunque sia realmente incarnato da una dimensione superiore non richieda di essere riconosciuto o adorato. Sono umili servi di Dio. Le persone che hanno effettivamente raggiunto un livello più elevato di consapevolezza dell’amore non hanno bisogno né aspettativa di ammirazione. È molto più probabile trovare un illuminato che vive in una grotta sull’Himalaya di quanto tu stia raccogliendo un seguito su Facebook o YouTube.

Quindi, proprio come ci sono molti falsi “maestri” e “guru” nel regno fisico, così ci sono molti altri che risiedono nel regno astrale. Come sopra così sotto. Queste entità vampiriche e parassitarie sono maestri dell’inganno e parte del processo di ascensione è quello di purificare queste energie che non funzionano per il bene supremo di tutti, le quali vengono restituite alla Sorgente per essere purificate e ri-assimilate nella creazione secondo il piano divino del creatore. Pertanto, per contribuire a questo processo di pulizia, dobbiamo cominciare col fermare la perpetuazione della loro illusione.

Per favore lasciatemi ripetere che non sto dicendo che arcangeli e maestri ascesi non esistono. Certamente, ci sono esseri di dimensione superiore che sono stati creati per aiutare lo sviluppo spirituale dell’umanità. Né sto dicendo che non dovresti lavorare con questi esseri di luce di dimensione superiore come parte della tua pratica spirituale. Lavorare con loro può essere molto utile, ma (e sì questo è un grande ma) devi stare attento a come li invochi.

Quindi, come dovresti chiamare le tue guide superiori? Indirizza sempre le tue invocazioni, preghiere e richieste direttamente alla Sorgente Creatrice. Chiedi alla Sorgente Creatrice di inviarti l’essere o l’energia di cui hai bisogno per il tuo bene supremo in quel momento. Se sei sicuro di voler connetterti con un angelo particolare, va bene, ma assicurati di chiedere a Sorgente Creatrice / Dio / Spirito / Universo o qualunque terminologia tu usi per inviare quell’essere a te.

Ad esempio, puoi dire: “Cara Sorgente Creatrice, se è per il mio bene supremo, per favore manda l’Arcangelo Michele a proteggermi. Se ciò non è per il mio sommo bene, per favore invia quello che è per il mio sommo bene per proteggermi.” Se hai bisogno di guarigione, chiedi allo Spirito di inviarti l’energia che ti darà la più alta forma di guarigione per il problema che hai, che è in genere il 12 ° raggio della luce di Dio o il raggio d’oro.

Autentici arcangeli e maestri ascesi prenderanno la loro direzione dalla Sorgente Creatrice, non da umani. Avranno sempre bisogno del permesso di Dio per lavorare con voi, quindi perché non andreste direttamente da Dio a chiedere il permesso da soli?

Rimani umile nel lavoro spirituale

Rimani sempre umile nella tua interazione con il Creatore, poiché il Creatore conosce la soluzione migliore per ogni situazione e consegnerà ciò di cui hai bisogno per il massimo bene. Avere fede. Esseri di dimensioni superiori, come angeli e maestri ascesi, sono stati creati per fare l’opera di Dio, e in questo senso non hanno libero arbitrio. Nello stesso modo in cui il generale deve guidare il suo esercito, così è per Dio di dirigere questi esseri di dimensione superiore, non voi.

Quando attribuiamo un’identità alle nostre preghiere e richieste al Grande Spirito sotto forma di esseri specifici, limitiamo in qualche modo le possibilità a nostra disposizione. Dalla nostra posizione sulla Terra, abbiamo una visione molto limitata. Non possiamo vedere tutti i possibili risultati. Il Grande Spirito ha una visione di tutto, da ogni prospettiva e può, quindi, inviarci esattamente ciò di cui abbiamo bisogno.

Lavorare con i 12 raggi di luce che provengono dalla sorgente e, in particolare, il dodicesimo raggio della luce dorata, è un modo semplice ed efficace per connettersi con l’energia pura della fonte. Sì, ci sono angeli e maestri che lavorano con questi raggi, ma non è necessario per voi invocarli perché siano in grado di fare il loro lavoro per voi. Vai alla Sorgente e lascia che la Sorgente prenda l’iniziativa: lascia andare, lascia che Dio sia.

 

FONTE: Questo articolo è ripreso da Om Times Magazine, © [January 13, 2016], ed è disponibile su http://OMTimes.com/

Autore: Ahtayaa Leigh

Estratto, tradotto e adattato da: ESPAVO: LetturaAkashica & TecnicheEnergetiche 

Condividere citando la fonte Crea Buon Karma 🙂

 

 

 

nascere, anima, dimenticato,Lettura Akashica

8 cose che hai dimenticato quando sei nato

Cose che hai dimenticato # 1 – Sei un’anima la cui magnificenza è molto al di là della tua comprensione terrena.

La società insegna la limitazione. E vivere “strizzati” in un corpo umano è l’esperienza della Terra che può essere dolorosa a volte. C’è molta libertà che hai come anima ma che non hai quando sei incarnato. La Terra, le condizioni lì, ti intrappolano nella limitazione. Ma chi sei veramente trascende le condizioni che la Terra ha da offrire. Il vero è che non hai limiti, solo potenziale.

Cose che hai dimenticato # 2 – porti la luce del Divino dentro di te.

Questa luce spinge la tua anima nel tuo corpo quando sei nel grembo materno. Diventa quindi la forza invisibile che ti dà la vita. E quando arriva il momento, al momento della tua cosiddetta morte, quella stessa luce lancia la tua anima fuori dal tuo corpo e torna alla Sorgente Divina da cui proviene. Quando la vita è gioiosa, la luce sarà lì. Quando la vita è difficile,  la luce sarà ancora lì.

Cose che hai dimenticato # 3 – La terra è uno scalo.

La benevola Fonte da cui sei venuto e alla quale tornerai giace oltre questo mondo temporaneo. Dopo il viaggio sulla Terra, tornerai in una terra che sembra più familiare, più come casa. Per rimanere libero nel gioco della vita, cerca la Fonte dentro te stesso, oltre i ruoli e il dramma. Quindi, puoi ballare la danza del gioco della vita con un pò più di ritmo, un po’ più di abbandono, scuoti di più quei fianchi.

Cose che hai dimenticato # 4 – Scegli la tua nascita, i tuoi genitori e le circostanze della tua vita.

La vita è piena di drammi, e il dramma familiare è il primo, quello primario, e ha un sacco di grinta. Come le altre circostanze della tua vita, ti sei iscritto per fare questo ballo prima che tu nascessi. Ma perché un’anima dovrebbe dimenticare le sue alte origini, vestirsi di un corpo e lasciare i Mondi Superiori per la Terra più difficile? Perché… (leggi punto 5)

Cose che hai dimenticato # 5 – La tua anima ama l’esperienza e non teme la sofferenza poiché sa che non può mai essere ferita.

Ciò non significa che quando sei in un corpo umano non è naturale preferire il piacere al dolore. Questo è parte del piano. Quando arrivano i tempi difficili, è bene ricordare che sei destinato a impegnarti in tutti i tipi di cose sulla Terra, cose che potrebbero non avere senso da un punto di vista umano. Quindi prenditi un momento prima di giudicare te stesso o le tue circostanze troppo duramente. Perché la tua scelta di percorrere un particolare sentiero sulla Terra può essere al di là della comprensione umana e finché non hai lasciato la Terra non capirai mai completamente tutti i perché e i percome.

Cose che hai dimenticato # 6 – La vita sulla terra non può esistere senza l’elemento ombra.

Mentre la Terra si muove attorno al Sole, non c’è nient’altro che ombra per buona parte del tempo. Non puoi avere il mare senza tempeste, la terra senza terremoti, il vento senza tornado. Sulla Terra, quando la luce sorge, l’oscurità arriva con essa. Dove c’è luce, c’è ombra. E a volte, a volte anche l’oscurità va bene. Non trascurare le ricchezze contenute nell’oscurità. La vita è molto temporanea, quindi non lasciare che il tempo passi. Lascia che i momenti ti riempiano, quelli che giudichi buoni e cattivi.

Cose che hai dimenticato # 7 – Non devi guadagnare il diritto di essere amato.

Se c’è una cosa che vale la pena fare sulla Terra, è scoprire l’amor proprio. È una questione di scoperta, non di apprendimento, perché l’apprendimento implica che stai partendo da zero; ma la verità è che tu già ami te stesso. Quando sei nato, quando avviene l’amnesia, dimentichi la tua magnificenza e pensi di dover guadagnare il diritto di essere amato. Come puoi guadagnare ciò che già ti appartiene?

Cose che hai dimenticato # 8 – La morte non è seria come sembra perché sei un essere eterno.

Tutti sulla Terra sono eterni, ma non lo sanno. Possono crederci, ma non lo sanno. Questo perché è troppo sapere. L’eternità non è un concetto che la mente può afferrare. Puoi provare a immaginarlo, ma poi, non potendo sperimentarlo, la tua mente dice “Sì, suona fantastico, potrebbe essere vero”, ma alla fine rifiuta ciò che non può capire. Questo perché non è la tua mente che può capirlo. È qualcosa di molto più grande e reale della tua mente. Inizia a giocare con l’idea che sei eterno, che andrai avanti. Ciò non significa un’esistenza senza fine sulla Terra. Potresti andare avanti in un modo che è più grande e più magnifico di qualsiasi cosa tu possa mai concepire.

 

FONTE: Questo articolo è ripreso da Om Times Magazine, © [May 09, 2015], ed è disponibile su http://OMTimes.com/

Autore: Annie Kagan

Estratto, tradotto e adattato da: ESPAVO: LetturaAkashica & TecnicheEnergetiche 

Condividere citando la fonte Crea Buon Karma 🙂

 

pulizia-energetica-sintomi

Pulizia energetica

Quando qualcuno opera su di noi una pulizia energetica di qualsiasi tipo, o lo facciamo noi stessi, di solito c’è un periodo di alcuni giorni in cui avvengono la maggior parte di questi cambiamenti. Questi sono giorni di “disintossicazione” e integrazione di nuove energie e informazioni nei nostri corpi sottili.

Questi cambiamenti possono anche verificarsi spontaneamente quando stiamo attraversando una fase importante della nostra vita, intensa o particolarmente movimentata.

Lasciare andare certe energie accumulate nei nostri campi energetici e corpi sottili che non ci servono più e sostituirli con altre nuove energie superiori produce l’effetto di “aggiornare i dati”, facendo un’analogia con un computer a cui stiamo installando le versioni programmi più recenti o anche un nuovo sistema operativo.

Diversi livelli di azione della pulizia energetica

Nonostante che quando un lavoro energetico viene fatto su qualcuno, questi cambiamenti e aggiornamenti sono fatti con il minor disagio possibile per il soggetto che li riceve (nota di Espavo: nel caso della Lettura Akashica la pulizia viene fatta attraverso il Sé Superiore di quella persona, il che fa si di operare in “sicurezza” senza forzare o interferire con le parti spirituali della persona) potrebbero apparire certi sintomi durante questo periodo che è bene conoscere, sapendo che sono dovuti ad un miglioramento del nostro sistema energetico.

Nota di ESPAVO: non tutti i soggetti sviluppano sintomi, il tutto è molto soggettivo e dipende dall’unicità di ciascuno. Il fatto di percepire o meno tali “sintomi” nulla toglie al fatto che la guarigione è in atto ed ha effetti su tutti i soggetti, sia che tali sintomi vengano percepiti sia no.

La pulizia Energetica lavora a tutti i livelli

Comunque, dato che siamo tutti completamente diversi, alcuni non noteranno nulla, mentre altre persone percepiranno una o più delle cose che spiego in seguito. Dovresti anche sapere che la guarigione avviene a tutti i livelli: emozionale, mentale, spirituale e per ultimo fisico, quindi c’è qualcuno che non sente nulla fino a poco dopo aver ricevuto quella pulizia energetica.

Tutte le aree della nostra vita, in un modo o nell’altro, saranno influenzate da un riadattamento di queste caratteristiche, poiché tale lavoro produce una guarigione e un’elevazione della nostra frequenza, un’eliminazione di cose che non ci servono più e un riequilibrio di tutti i livelli del nostro essere.

Quanto più profonda è questa pulizia energetica, tante più cose vengono rimosse e maggiori saranno gli effetti positivi una volta completata.

Alcuni sintomi o sensazioni della pulizia energetica

Ora spiego brevemente ciò che può accadere in ciascuno dei livelli del nostro Sè quando rimuoviamo queste energie antiche e le sostituiamo con nuove.

Pulizia energetica: corpo fisico

Sintomi simili a un piccolo raffreddore o influenza: mal di testa, febbre, prurito alla gola, tosse, ecc. Delle volte alcuni disagi fisici minori. Semplicemente il corpo sta cercando di eliminare le tossine e le energie stagnanti ovunque esse siano, il che si traduce nella necessità di espellere a livello fisico tutto ciò che non ci serve più.

Cosa puoi fare:

Per ridurre il disagio è consigliabile fare passeggiate all’aria aperta, fare esercizio fisico e bere litri e litri d’acqua, mangiare più sano, riposare di più, ecc. L’idea è semplice, aiutare il nostro corpo a recuperare l’equilibrio e a ricaricarsi con le nuove energie il prima possibile. Niente di strano.

Pulizia energetica: corpo emozionale

Le emozioni profondamente radicate possono apparire senza motivo: rabbia, sdegno, frustrazione, tristezza, ecc. Queste emozioni vengono alla luce perché sono state represse o semi-nascoste per molto tempo e quando le puliamo le stiamo eliminando.

Cerca di non essere influenzato da ciò che stai “sentendo”, non incolpare te stesso e non tentare di cercare le cause di questo, ma lascia che quelle emozioni esauriscano la loro carica emotiva e, infine, si distacchino dal tuo corpo emozionale per sempre.

Cosa puoi fare:

Per facilitare il processo, imparare a rilassarsi, meditare, respirare con calma, fare bagni rilassanti, godersi le cose, ecc. L’obiettivo è quello di lasciare andare quelle emozioni nel modo più fluido possibile.

Pulizia energetica: corpo mentale

Modelli di comportamento, vecchi pensieri, abitudini e costumi che pensavamo fossero banditi possono tornare in superficie. A volte possiamo nuovamente diventare dipendenti dal mangiare qualcosa senza sosta, fumare, bere qualcosa, ecc. È lo stesso processo di prima.

Quello che avevamo sepolto per metà nel nostro corpo mentale sta finalmente venendo alla superficie e si sta dissolvendo, facendoci sentire di nuovo come nel momento in cui quegli effetti si sono manifestati.

Anche tutti i tipi di pensieri negativi (colpa, abuso, giudizio costante sugli altri, vittimizzazione, ecc.) possono emergere durante il processo di pulizia. Ricorda, stiamo spazzando la casa, e non rimettiamo la polvere sotto il tappeto, ma la rimuoviamo completamente in modo che non ci disturbi di nuovo.

Cosa puoi fare:

Non essere duro con te stesso quando noti che senti queste cose. Semplicemente riconoscerli, convalidarli e lasciarli andare è ciò che deve essere fatto. Cambia i tuoi impulsi a fare qualcosa di “dannoso” per qualcos’altro che ti fa sentire meglio. Sii gentile con te stesso, fai cose che ti fanno sentire bene, ripeti affermazioni positive, medita, ascolta musica, ecc.

Pulizia energetica: purificazione spirituale / corpo causale

Le tue convinzioni possono essere rimosse nelle loro fondamenta più profonde. Il modo in cui vedi il mondo può cambiare, tutto ciò che hai pensato fosse in un modo gradualmente si rivela essere diverso. Il tuo modo di comprendere come funzionano le relazioni tra le persone, le religioni, ciò che è importante per te, ciò che pensavi fosse solido come una roccia, tutto può cambiare quando c’è una profonda purificazione di energie stagnanti a livello spirituale.

Quando ciò accade, è come se ci avessero aperto gli occhi, come se ci avessero dato accesso a un altro piano di visione superiore dal quale vediamo le cose in modo diverso. Nuove rivelazioni e intuizioni vanno e vengono, nuove idee sostituiscono quelle vecchie. Il nostro mondo si trasforma e potremmo sentirci disorientati mentre questa trasformazione sta avvenendo.

Cosa puoi fare:

Per mitigare questi effetti, parla di tutto questo con quelle persone che possono capirti o hanno attraversato qualcosa di simile, leggi libri che aumentano la tua visione “spirituale” della vita, ascolta musica che ti trasporterà a frequenze più alte e ti farà sentire bene, e abbi cura di te stesso.

Il processo di trasformazione delle vecchie credenze e limitazioni è normale, e non deve essere drammatico, di nuovo, stai solo lasciando andare quello che non ti aiuta a raggiungere un nuovo livello.

Se sei nel bel mezzo di un processo di purificazione energetica, dopo una terapia, e vedi te stesso riflesso in qualcosa di tutto questo, renditi conto che è normale, che è un periodo di cambiamento positivo e che una volta integrate tutte queste nuove energie ti sentirai molto meglio e rinnovato.

 

FONTE: Questo articolo è ripreso da davidtopi.com, © [Marzo 28, 2010], ed è disponibile su http://davidtopi.com
Autore: David Topí
Traduzione e adattamento (in italiano e in SEO): ESPAVO: LetturaAkashica & TecnicheEnergetiche

Condividere citando la fonte Crea Buon Karma 🙂

 

 

Relazioni d'amore e Legami Energetici-Lettura Akashica-ESPAVO

Legami Energetici e Relazioni

Le relazioni sentimentali, e non solo quelle di coppia, comportano un forte scambio di energia tra gli esseri umani. Il contatto fisico e sessuale delle relazioni di coppia, ancor più che altre, coinvolgono lo scambio di informazioni sensoriali e chimiche, sensazioni che percepiamo consciamente e inconsciamente, ma anche lo scambio di energia e programmi. In questo articolo parlerò di queste ultime.

Quanto più stretto e intimo è il nostro rapporto con un’ altra persona, tanto più forti ed attivi saranno i “fili invisibili” o Legami Energetici che si formano tra noi, quindi capaci di trasmettere più energia. Durante l’atto sessuale, energicamente accadono cose che vanno al di là della nostra comprensione.

Inoltre capita che quando uniamo le nostre energie in questo modo, concediamo all’altro anche capacità di potere su di noi, creando quello che è chiamato ponte di potere.

I liquidi seminali e vaginali diventano plasma di energia all’interno dei corpi sottili e quindi il legame che ne deriva non è facile da tagliare se non con atto volontario ed opportuno. Così restiamo uniti con tutti coloro con i quali abbiamo condiviso il nostro letto, il nostro spazio intimo e il nostro corpo fisico ed energetico. Capite da soli cosa possa comportare tutto questo a livello prima energetico e poi di conseguenza fisico e mentale.

Legami energetici da vite simultanee e presenti

Veniamo già al mondo con dei legami, memorizzati come su un disco rigido, la nostra Akasha personale, in cui tutte le informazioni sono registrate. Spesso tali legami sono Lacci Karmici, ovvero veri e propri “matrimoni” energetici attivi tra la nostra ed un altra anima, compiuti con rituali simbolici in maniera cosciente, o “subiti” in maniera incosciente per il solo fatto che qualcuno ci amava a tal punto da proiettare un laccio su e verso noi. Quindi con rito unilaterale ma che comunque ci coinvolge.

Uno dei nostri lavoro energetici e spirituali in questa vita, poiché questo è anche il giusto tempo, è quello di risolvere tutti quei legami obsoleti che ci vincolano ancora oggi. Si tenga presente che questo genere di informazioni possono arrivare in una Lettura Akashica ed il nostro Sè Superiore porterà in lettura solo e soltanto i legami che risultano per noi bloccanti e non allineati al nostro bene o missione di vita. Tutti gli irrisolti conflitti emotivi possono essere ripuliti, per essere liberi di accogliere persone e situazioni in linea con quello che siamo ora.

Se risultiamo “sposati” energeticamente con qualcuno in questa vita o in vite simultanee passate, avremo difficoltà a fare nuovamente coppia nella nostra attuale esistenza. Lo stesso accade se abbiamo vite simultanee passate piene di emozioni e situazioni che non sono state risolte. Tutto è attivo nella nostra Akasha e presente qui e ora.

Non è possibile passare intere vite in cui si osserva il susseguirsi di relazioni e partner in cui ci sembra di cadere negli stessi errori, di ripercorrere gli identici schemi. Ad esempio, attirando sempre lo stesso tipo di relazioni: violente, fallimentari, dolorose, che ci deprivano della nostra dignità, ecc. ecc..

Una delle cose più importanti da fare nella vita è quello di risolvere i problemi in sospeso e imparare la lezione finale: amare senza condizioni o corde.

Effetti e conseguenze dei legami energetici attivi

Ora andremo ad analizzare gli effetti e le conseguenze di legami energetici attivi tra persone contemporaneamente incarnate, quindi nelle nostre vite attuali. I legami energetici hanno un lato positivo ed un lato negativo.

il positivo è che quando si ama una persona e si è in una relazione “sana”, il collegamento che con essa si crea, ci colma dell’amore che reciprocamente ci si trasmette. Il negativo è che se e quando un rapporto termina, in verità energicamente si rimane uniti. Quel legame che prima ci nutriva, ora ci vincola e ci limita e ci danneggia energeticamente, divenendo un fardello pesante e da tagliare.

Mantenere aperti e attivi i canali di connessione, al termine di una relazione, fa si che percepiamo l’altro quasi ossessivamente, anche se non ci si vede o sente. Si continuano a ricevere energie, depotenzianti, da tali canali e da questa o queste persone, compresi energie dei loro altri eventuali partner. Potremmo sentire di dover provvedere all’altro o ad aiutarlo, anche se in realtà non abbiamo alcun obbligo.

L’ accumularsi di emozioni irrisolte ci provoca malessere, stanchezza, un senso di malattia e la sensazione di vivere una vita senza scopo, con un bisogno di compensazione che spesso diventa devastante.

Non dimentichiamo che in passato, ma ancora oggi, pratiche sessuali erano e sono usate come veri e propri riti magici, di iniziazione o per chiedere favori alle più svariate entità in cui si crede.       Questo perchè vi è una enorme e potente energia che si sprigiona dall’atto sessuale ed in particolare dall’orgasmo che ne è il fine e culmine.

L’atto sessuale non solo ha effetti sulle energie fisiche, ma coinvolge anche le energie dei campi invisibili a partire da quelli più vicini al corpo fisico: corpo eterico, emozionale e mentale. Che sono tutte parti del nostro campo aurico.

Scambio tramite l’aura

L’aura è di per sé una difesa naturale, come la pelle consente di separare un corpo fisico da un altro, così il campo energetico aurico ci separa e protegge da quello di un altro. Nella metropolitana, per esempio, anche se siamo spesso a stretto contatto, possiamo toccare l’aura e può esserci scambio di energia minimo, ma se il nostro sistema è sano e forte, non andremo a subire alterazione ed invasione dell’energia di un altro.

Un intimo scambio di fluidi vitali, ormoni e energia sottile che culminano in orgasmo, è l’apice nella formazione di un collegamento o legame di energia tra i partner. Si crea quindi una cella di memoria energetica comune, un evento che lega in modo permanente i due partner.

Da questo punto di vista non c’è sesso sicuro, ci saranno sempre scambi e collegamenti energetici che permangono in noi.

Ogni volta che i corpi si uniscono in un bacio, un abbraccio o anche un semplice tocco, uno scambio di energia avviene. Poiché nell’atto sessuale ciò che si cerca è l’unione, le nostre difese volgono verso il basso, le aure delle due persone si fondono con un mix energetico, ma non solo quello.

Se il sesso è praticato con persona in sintonia con la nostra frequenza personale, in un legame “sano” che avviene con modalità e tempi in linea con noi e il nostro bene, tutto questo porterà benefici. Nel caso contrario risulterà un enorme spreco della nostra energia personale che disarmonizzerà la nostra vibrazione.

Le energie sessuali sono così potenti che durante l’orgasmo si apre un piccolo portale ad altri piani, soprattutto verso il basso l’astrale, essendo questa la più vicina alla dimensione fisica in cui viviamo. Se i rapporti sono guidati da emozioni dense ma negative, come la rabbia, la lussuria, la violenza, la perversione, ecc. ecc., l’energia è bassa in frequenza e distorta e quindi in grado di attrarre entità del basso astrale che entrano quindi nelle nostre aure.

Inoltre se il sesso diviene una pratica fine a se stessa, senza amore è fatto solo in maniera meccanicistica con lo scopo di dare o ricevere solo piacere, la bassa carica di vibrazione che ne scaturisce disturba il campo elettromagnetico e genera sporcizia nell’aura.

Lo scambio emotivo e mentale

Le emozioni prevalenti in una persona possono essere trasferiti anche da un campo di energia ad un altro. Per esempio, se abbiamo dormito con una persona: arrabbiata, depressa, o con qualsiasi altra situazione emozionale, ci ritroveremo a vivere quelle emozioni pesanti. Molte volte, si inizierà a presentare lo stesso comportamento.

Lo stesso vale per i pensieri negativi. Più bassa è la vibrazione della coppia, più il portale che si apre sarà su altri piani con meno potenza e raggiunge solo i sub-piani inferiori dell’astrale.

Al contrario, quando si è veramente innamorati e coinvolti positivamente, una alta qualità di emozioni e pensieri sono prodotti, l’energia è sottile ed elevata ed è quindi possibile che il portale aprendosi possa raggiungere i piani astrali più alti, o anche le dimensioni più sottili e superiori.

Da qui l’importanza di creare legami affettivi sani e prendere tempo per imparare e essere coinvolti in sentimenti di amore con una persona prima di fare sesso. L’idea è che il sentimento d’amore (non la passione, o il desiderio, o la chimica) ha la priorità nel rapporto, in modo che possiamo ottenere e realizzare l’intimità.

Una compartecipazione in qualità di energia di legame più alta, mira a garantire la trasmutazione dei carichi, sia personale che di coppia, il ripulirsi del corpo eterico, astrale e mentale inferiore. Questo è il vero ruolo di amore nei rapporti sessuali, oltre ad amare, sempre si effettua una purificazione energetica e spirituale.

Relazioni e responsabilità

Quindi è necessario prestare attenzione a come e con chi condividiamo la nostra intimità, a come e con chi condividiamo noi stessi e la nostra energia. Questo non per pudore o un pensare bigotto, ma per concrete ripercussioni su di noi ed il nostro benessere.

Impedire che qualcuno porti la sua “immondizia” nel nostro corpo aurico, finendo così per condividerlo. Poiché anche dopo essersi separati, ognuno ha una certa energia dall’altro, con tutto ciò che comporta.

Pensate poi a cosa accade se uno dei due, o entrambi, ha rapporti con diverse persone contemporaneamente, Si viene a creare un “serbatoio comune di basse energie”, uno scambio e condivisione pazzesca di programmi depotenzianti, entità e spazzatura eterica.

L’ignoranza di queste implicazioni ha portato ad un liberalismo estremo della sessualità, considerando il sesso solo come fisicità da soddisfare, nel perseguimento di auto-gratificazione molto apprezzato nella società moderna.

Essere attraente e “sessualmente libero/a” fa tendenza, fa figo è cool.  La mancanza di un modo più profondo di vivere la sessualità è uno dei mali dei nostri tempi. Comprendere che la sessualità dovrebbe essere un ponte verso livelli superiori di coscienza, ed essere un legame da vivere prima di tutto come un legame spirituale e di amore tra due anime in aiuto reciproco.

Le possibili conseguenze della sessualità, intesa solo come un bisogno fisiologico e come pratica auto-gratificante, sono troppo note: gravidanze indesiderate, violenze sulle donne, prostituzione e mercato delle schiave del sesso, malattie sessualmente trasmissibili. Per ridurre tali rischi sono emerse tecniche di prevenzione. Tuttavia, le conseguenze spirituali ed energetiche, sono sconosciute ai più e troppo sottovalutate. La cosa spiacevole è che per ridurre tali rischi non esistono preservativi o contraccezione, ma occorre consapevolezza, conoscenza e discernimento.

Da qui l’importanza di padroneggiare gli impulsi erotici attraverso l’esercizio della volontà e la cura per la salute della nostra energia e anatomia spirituale; in caso contrario, saremo esposti ad inquinamento dei nostri campi aurici con legami indesiderati. Così, il piacere momentaneo diventa un problema permanente.

Lavorare con i legami energetici e karmici

E’ possibile dissolvere i Legami Energetici e quelli Karmici che si sono venuti a creare durante cerimonie, rituali ed atti sessuali. Le modalità da me conosciute si rifanno all’utilizzo di decreti che si inseriscono in un lavoro più ampio di consapevolezza e presa di coscienza di informazioni personali e altre modalità. Questo perchè credo che bisogna prima conoscere le situazioni per poi provvedere a risolverle.

Non credo invece al “fast-food” della spiritualità, ovvero formule o decreti pronunciati in modo meccanico e spesso senza cognizione di causa che iniziano con parole tipo: “Che tutti i legami, corde, lacci, ecc…”. A mio vedere e per esperienza quel “tutti” non solo non significa nulla, ma non annullerà tutto. Poiché mentre alcune cose in noi possono essere realmente rilasciate senza saperne di più, vi sono molte situazioni spesso complesse in cui un legame o laccio è inserito, e se non si comprende il tutto non è possibile ottenere lo scioglimento del solo legame, laccio o corda in questione.

Comunque qualsiasi modo conosciate o decidiate di adottare per operare da soli il distacco energetico da qualcuno, fatelo da uno spazio di amore e per il bene supremo di entrambi. Ricordate sempre che dall’altra parte del laccio, della corda o del legame c’è un essere di luce esattamente come voi.

 

 

 

 

 

talenti-talea-ikigai

Talea n°3: a caccia dei tuoi Talenti

Siamo giunti alla terza Talea nel percorso di auto aiuto che ho creato a sostegno di tanti che vivono momenti di tribolazione, crisi di identità, sentimenti di lacerazione tra la vita che attualmente vivono e quella invece che sentono dovrebbero vivere.

Nelle prime 2 Talee ho parlato di situazioni atte all’aumento della vibrazione di base personale. Chiaro che tale argomento non si può esaurire con quanto detto, vi sono altri aspetti da considerare e lavoro attivo da fare, ma sicuramente è un ottimo inizio per un cambio di attitudini e crescita di consapevolezza.

Oggi nella terza Talea affrontiamo il tema dei Talenti, ovvero quelle capacità e predisposizioni uniche che ci caratterizzano. Tutti abbiamo più di un talento, impossibile non averne alcuno. Che sia saper cucinare, saper ascoltare, saper progettare, saper comunicare, saper immaginare, in uno o più ambiti abbiamo talenti che sono nostri e solo noi facciamo quella determinata cosa in quel determinato modo, anche se un altro fa la stessa nostra cosa.

Vi dirò di più, abbiamo sia talenti personali, professionali e sociali che talenti extrasensoriali, soprattutto questi ultimi provengono dalla nostra anima e dal suo personale bagaglio esperienziale ed è possibile venirne a conoscenza collegandosi con il nostro Registro Akashico nella Lettura Akashica: “Profilo Spirituale dell’Anima”.

Talenti e Sistemi di Credenza

Molti di noi sono consapevoli dei propri talenti e attitudini e spesso queste persone consapevoli investono tempo su questo talento, portandolo al massimo della sua espressione e facendone anche una professione.

Molti altri sono consapevoli di alcuni o tutti i propri talenti, ma non credono in sé stessi, sono in svalutazione o credono di non meritare il successo (ci sarà una talea apposita su questo argomento), quindi non coltivano e sviluppano i propri talenti, magari li rilegano ad hobby da fare nei ritagli di tempo, perchè credono ( sistema di credenze auto-bloccante) che non potranno avere dei ricavi economici o poter essere indipendenti economicamente facendo quello che sanno ed amano fare.

In questo ultimo esempio entrano in gioco diversi fattori sui quali lavorare. Tra i primi c’è l’inconscio collettivo, nel quale sono presenti energie di credenze limitanti, che noi captiamo in base alle nostre proprie energie e credenze con le quali siamo in risonanza. In tal modo alimentiamo e cementiamo ancor di più il nostro proprio personale sistema di credenze, anch’esso pieno di energie bloccanti e depotenzianti.

Questo sistema di credenze, che durante una lettura Akashica si manifesta in diverse tipologie di blocchi appartenenti tutti alla sfera mentale e del subconscio, è spesso individuato come “modello di comportamento”, ossia una sorta di matrice base che funge da stampo e che ci viene affibbiato alla nascita secondo i modelli base dell’albero genealogico/famiglia di origine che abbiamo scelto nel piano di incarnazione.

Altre persone ancora, sono invece totalmente all’oscuro di quali possano essere i propri talenti. Questi individui sono coloro i quali vivono la vita costantemente addormentati, guidati dai bisogni primari ai quali rispondono come meglio possono in modo meccanicistico, basandosi unicamente sulle regole imposte dal sistema o al contrario andando contro il sistema stesso.

Spesso quest’ultimo tipo di individuo è totalmente disconnesso dal proprio Sè Superiore, si sente in balia della vita e dei suoi accadimenti accettandoli passivamente e sentendo di essere una vittima, oppure reagendo con rabbia verso se stessi o gli altri, oppure affidandosi a improbabili santi, forze o dio esterni a sé stessi, invocandone aiuto, supporto o perdono a seconda dei casi.

A caccia dei Talenti

Ma come possiamo scoprire o riconoscere i nostri talenti? Se proprio brancoliamo nel buio e non sappiamo da dove partire, dedichiamo un po’ di tempo a noi stessi ed anche con carta e penna alla mano stiliamo una lista lasciandoci ispirare da quanto segue.

Il bambino interiore

Tra le molti parti che compongono il nostro Io Sono c’è quella che viene identificata col nome di “bambino interiore”, Carl Jung lo ha chiamato il “Bambino Divino”. Molte tecniche consentono o consigliano un lavoro con il bambino interiore per risolvere svariati blocchi, conflitti o paure; ma non è mio intento fare questo o dilungarmi su questo argomento. Quello che vi suggerisco di fare è di chiudere gli occhi e ripensare a voi bambini.

Qual’è il primo fotogramma che vi arriva alla mente? Che età avevate? Che bambino eravate? Connettetevi con quell’immagine, con quel momento ed ascoltate, siate ricettivi a tutto: visioni, sensazioni, ricordi. Quando vi sentite abbastanza in sintonia con questa immagine, ricordate i giochi che facevate e cosa sognavate di essere. Percepite e rivivete l’energia di quel momento, di quell’entusiasmo, della gioia e della spensieratezza. Il bambino non conosce ostacoli, egli immagina e realizza, ed è così che deve essere.

Quando siete pronti riaprite gli occhi e riportate l’esito delle vostre considerazioni e dettagli sul foglio.

Per cosa vi cercano gli altri

Riflettete basandovi sulle richieste che ricevete da: amici, parenti, vicini di casa o conoscenti in genere. Per cosa vi cercano gli altri? Per quale vostra capacità, abilità, saper fare o sapere. Gli altri sono un aiuto per auto conoscerci, perchè spesso gli altri vedono in noi e di noi cose di cui non siamo consapevoli. Quindi fate questo lavoro oppure chiedete direttamente alle persone che sono parte della vostra vita in cosa siete bravi.

La gioia di fare

Cosa vi procura gioia quando la fate? Proprio questa mattina passeggiavo al sole con la mia amica Michela di feelfreeglutenfree , che è una Operatrice Olistica a Indirizzo Nutrizionale, la quale mi raccontava del piacere che provava nello scrivere articoli per un magazine di settore, anche se non le veniva riconosciuto nulla in termini economici.

Anche se è cosa giusta che sia corrisposto uno scambio energetico per un lavoro svolto, il punto da cui dobbiamo partire non è il denaro (affronterò a tempo debito questo argomento) ma l’attività che ci gratifica e che faremmo, senza mai stancarci, se avessimo i conti in ordine ed infinita abbondanza economica nelle nostre vite. Qual’è questa cosa per voi?

L’innata attitudine

Cosa fate con naturalezza, sicurezza e padronanza anche se non avete mai studiato nulla a riguardo? Abbiamo capacità innate, che diamo anche per scontate ma che scontate non sono affatto. Molte di queste predisposizioni naturali di cui siamo capaci nei più disparati settori ed attività, spesso sono il risultato di cose che abbiamo appreso in altre vite simultanee. Anzi più una anima è una “vecchia” anima, tante più cose conoscerà e sarà in grado di fare, senza averne fatto esperienza o averlo studiato in questa linea temporale e in questa incarnazione.

Ad esempio ho appena terminato un maglione all’uncinetto ed ho fatto svariati cappellini con la stessa tecnica con discreto successo, ma non avevo mai preso in mano lana ed uncinetto prima di adesso in questa vita, e questo mi capita in molti altri settori. Una mia amica mi ha chiesto: “Ma come fai ad imparare così velocemente?” Le ho istintivamente risposto: ” Perchè non imparo, ricordo!”

 

talenti-ikigai

Quanto appena descritto, sono linee guida per individuare i vostri talenti personali, sociali e professionali. Potete trascrivere su un apposito quaderno tutto questo, che diventerà parte di uno schema più grande di definizione di voi stessi che man mano risulterà con l’aiuto delle Talee che pubblicherò di seguito. E se proprio siete pigri e non riuscite da soli, c’è sempre la Lettura Akashica del Profilo Spirituale dell’Anima che viene in vostro aiuto.

Con questa talea n°3 abbiamo risposto anche a due dei petali più interni dell’IKIGAI, immagine qui in alto, che ricordiamo essere:

  • Ciò che si ama (la tua passione)
  • Che cosa sei bravo a… (la tua vocazione)

IKIGAI è il termine giapponese utilizzato per descrivere la Propria Ragion d’Essere di cui ho parlato nel seguente post: http://espavo.it/2017/02/05/ikigai-trovare-la-propria-ragion-dessere/ e di cui ci serviremo più volte per procedere in questo lavoro.

 

 

anima

Una delle nostre componenti è l’Anima, ma questa alloggia in noi e fa esperienza tramite noi solo con un pixel tra gli infiniti pixel di cui è composta la sua essenza concreta e la sua totalità d’Essere.

“Di ciò che posso essere io per me, non solo non potete saper nulla voi, ma nulla neppure io stesso.”

Luigi Pirandello

 

Siamo Esseri Multidimensionali

Le nostre anime hanno vissuto più vite in molte dimensioni diverse, come si evince dalle informazioni che si ottengono da una Lettura del Profilo Spirituale dell’Anima, e vivono esperienze svincolate dall’asse del tempo e dello spazio, quindi per l’Anima tutto accade nel qui ed ora.

Le nostre anime vivono in molteplici dimensioni in questo momento, per questo durante una Lettura Akashica parlo di vite simultanee: passate, future e parallele (cioè sempre la manifestazione di noi su altre linee temporali). Di conseguenza quando si lavora su un “blocco” o situazione che in questa vita vi si presenta, spesso il disagio o la radice primaria del blocco, che poi andrà ad interessare una o più aree di vita, ha la sua origine in una o più vite simultanee.

Le interrelazioni delle diverse vite; del karma; lezioni di vita nell’attuale piano di incarnazione; lezioni e inclinazioni dell’anima (attitudini e doni), sono tutti aspetti da tener presente in un lavoro che miri ad assistere chi decide di compiere un lavoro Akashico, col fine di realizzare il loro massimo potenziale. Inoltre, la Lettura Akashica aiuta a elaborare le interazioni con gli altri nella loro sfera di influenza.

Anima e Spirito

Spesso lo Spirito e l’Anima sono usati in modo intercambiabile e possono avere diverse definizioni in base alle diverse culture e tradizioni . Lo Spirito è energia in azione, è la nostra connessione divina con la Sorgente. L’Anima è l’energia di identità, contiene la coscienza, la memoria, la personalità e l’ego quando siamo incarnati. Quando ci incarniamo, noi siamo Spirito, abbiamo un’anima, e viviamo in un corpo.

In un universo olografico, ogni momento (passato, presente e futuro) esiste simultaneamente. Ogni luogo è collegato a ogni altro luogo. Ogni particella contiene la piena consapevolezza di ogni altra particella. L’anima è olografica. La parte di un individuo incarnato che risiede nella terza dimensione è solo una parte di una più grande anima che si estende su più dimensioni.

Ian Lawton, nel suo libro “The Big Book of the Soul“, descrive la coscienza dell’anima come olografica. Egli dice che l’anima è allo stesso tempo l’aspetto individuale e la rappresentazione olografica del tutto della Sorgente. Quindi l’anima è una parte della fonte, ma mantiene la sua spontanea volontà. Ogni coscienza individuale è una parte della coscienza universale. Egli dice: “Tutto è in ciascuno e ciascuno è in tutto e tutto è nella Sorgente e la Sorgente è in tutto.” Questo è il modo in cui siamo tutti imparentati.

In questo articolo, ci concentreremo sulla anatomia dell’anima olografica.

Organigramma Spirituale

Esiste una gerarchia dell’anima e vi è un Superanima che supporta il viaggio della nostra anima nell’esperienza che stiamo vivendo.

La Superanima è un livello intermedio posto tra l’anima incarnata e il Sé Superiore. La Superanima non si incarna,  ma coordina le molteplici esperienze dell’anima. Ad esempio, l’anima può avere molteplici esperienze in diverse dimensioni simultaneamente, tra cui vite parallele sulla Terra. La Superanima supervisiona tutte le attività dell’anima.

Il Sé Superiore è l’intermediario tra la nostra Anima/Superanima e la Sorgente Creatrice (Creatore, il Grande Spirito, Dio, Energia Creatrice, ecc. ecc.). Il Sè Superiore è l’individualizzazione della Sorgente e viene identificata con diversi nomi: Io Sono, io sono colui che sono, puro Essere, Amore, Essenza della Vita, Coscienza Cosmica, la Mente Universale, Atman e Monade.

Il Sé Superiore possiede la conoscenza e la saggezza e conosce tutto ciò che l’anima ha mai sperimentato, per questa ragione è con lui che ci si connette, nel metodo da me utilizzato, durante una Lettura Akashica. Il Sé Superiore è il punto più alto di coscienza, egli è totalmente e irrevocabilmente uno con la Sorgente di Tutto Ciò Che È ed è la fonte della nostra intuizione.

La Superanima e il Sé Superiore sono a conoscenza di tutti i frammenti dell’anima così come della sua integrità contemporaneamente. Quando un’anima è pronta ad incarnarsi, pianifica l’incarnazione con la Superanima, il Sé Superiore, le sue guide e mentori o anime preposte a tale ruolo, per creare un progetto di vita che sia conforme a ciò che è opportuno ed utile all’anima da sperimentare, integrare, apprendere, compensare, ecc. ecc..

Le nostre menti coscienti sono sotto il controllo a livello dell’anima che si incarna sulla Terra. Alla Superanima e al  Sé Superiore si può accedere attraverso il subconscio o mente superconscia. La trance profonda, il viaggio sciamanico, la meditazione, una Lettura Akashica, aprono tali connessioni e canali. Gran parte della comunicazione tra la Superanima e le altre parti dell’ anima si verificano mentre siamo addormentati.

Ora che abbiamo chiarito molte differenze con definizioni e rapporti gerarchici tra le nostre componenti spirituali, possiamo dettagliare, ed occuparci, più specificatamente delle diverse qualità e rapporti esistenti tra le anime.

Rapporti tra Anime

Famiglia di Anime

Ogni anima appartiene ad un gruppo d’anima o famiglia. Spesso i gruppi d’anima si reincarnano insieme sulla Terra o, a volte, solo una parte di essi è allo stesso tempo incarnata e chi è rimasto oltre il velo supporta sempre gli appartenenti al proprio gruppo se richiesto. Gli individui della stessa famiglia di anime hanno lo stesso scopo d’anima e possono avere simili sentimenti, pensieri e inclinazioni. Quando un individuo si incarna con i membri della propria famiglia d’anima, ci si sente profondamente connessi. Spesso gli appartenenti la nostra Famiglia di Anima diventano i nostri migliori amici, con i quali percepiamo una connessione molto più intima ed intensa che non con gli appartenenti alla nostra famiglia di origine/albero genealogico o fratelli e sorelle di sangue.

Anime Gemelle

Le Anime gemelle sono anime che hanno avuto molte vite insieme, durante una Lettura Akashica di coppia, è possibile conoscere il numero di vite vissute insieme ed anche il tipo di relazione avuta. Il loro scopo è quello di aiutarsi a vicenda, crescere, evolve e processare il karma comune se presente. Le Anime gemelle giocano e fanno esperienza relazionandosi in molti modi diversi, tipi di relazioni e ruoli: fratelli, genitori, figli, migliori amici, colleghi di lavoro, insegnanti e partner. Le anime gemelle possono percepire relazionandosi un legame profondo come: l’amicizia, l’amore, l’intimità o la sessualità o al contrario ri-sentono di resistenza, disgusto, e persino odio. Un’anima può avere molte anime gemelle in una vita. Le relazioni tra anime gemelle possono essere brevi o possono durare tutta la vita.

Fiamme Gemelle

Molte volte si fa confusione tra Anime gemelle e Fiamme gemelle, e molti credono che questi aspetti siano la stessa cosa, ma non è così. Secondo una credenza quando le anime furono create per la prima volta ed iniziarono il loro ciclo di incarnazioni sulla Terra, sono state scisse in due, creando ciò che si identifica con il nome di fiamme gemelle o doppia anima. Inoltre, molti credono che siano stati suddivisi per genere (maschile e femminile).

Questo porta erroneamente molte persone a credere che essi devono trovare la loro “altra metà” e riunirsi al fine di tornare ad essere completi (il famoso: “l’altra metà della mela”). Io, personalmente, non appoggio questo concetto, soprattutto perché favorisce la convinzione che le nostre anime siano incomplete, ma così non è. Le fiamme gemelle esistono ma una relazione con una fiamma gemella è una esperienza devastante, poiché è un anima che ha molte delle nostre caratteristiche e qualità, sia in positivo che in negativo, e tale relazione non è proprio semplice da gestire.

Una spiegazione (da valutare con opportuno discernimento) all’esistenza di Fiamme Gemelle è la seguente:

  • Anime Unite: Queste anime sono nate come uno, ma divise a metà quando Atlantide è stata distrutta. Esse quindi cercando di riunificarsi con la loro altra metà (fiamma gemella). Questa tipologia sperimenta molti matrimoni nelle diverse vite vissute insieme.
  • Omni Anime: Queste anime sono state create come una e non sono mai state divise. Si sentono complete anche senza un partner. Le Anime Omni sperimentano relazioni temporanee.
  • Anime doppie: Queste anime sono nate come una sola anima completa, ma hanno una controparte (gemello). Tendono a cercare una maggiore connessione con la loro controparte, ma mentre cercano il loro doppio, possono trovare compimento terreno senza la loro controparte.
  • Le anime Multi-espressive: Queste anime sono state create come una sola anima, ma hanno la capacità e il desiderio di esprimersi in molti modi. Anime Multi-espressive spesso praticano la poligamia e possono avere difficoltà a rimanere in una relazione impegnata.

Anime Parallele

Anime parallele, note anche come vite parallele, è una sola anima che vive più vite nel terza dimensione contemporaneamente. Tecnicamente tutte le vite avvengono contemporaneamente perché in altre dimensioni, non c’è continuum spazio-temporale. Il tempo non è lineare, è una frequenza. Così vite passate, presenti e future stanno tutte accadendo contemporaneamente, ma a frequenze diverse. Le vite parallele invece, sono due o più vite che accadono contemporaneamente alla stessa frequenza.

Anime Trasferite: i walk-in

In questo processo, una nuova anima subentra in un corpo incarnato esistente e la precedente lo lascia (un corpo per un anima è la regola, possessioni a parte). Questo è sempre fatto con un accordo tra le anime in entrata e in uscita. Il sé umano non può essere a conoscenza di questo trasferimento, perché gli accordi sono fatti a livello di anima e l’anima in entrata assume la memoria dell’anima in uscita. Inoltre, l’anima in entrata accetta di assumersi le responsabilità karmiche della vita di quel corpo. L’anima in entrata è di norma più evoluta rispetto all’anima in uscita. Molte volte lo scambio dell’anima avviene durante una situazione traumatica. Il vantaggio per l’anima in arrivo è che questi possono attivare la loro missione subito invece di aspettare che il corpo fisico cresca attraversando la fase della fanciullezza e l’infanzia.

Disincarnati

Queste anime disincarnate hanno attraversato il processo di morte, ma sostano nella quarta dimensione (il piano astrale). Questo accade se l’anima non è pronta o disposta a “passare attraverso la luce” alla quinta dimensione. Al contrario, essi desiderano vivere indirettamente attraverso un corpo che è ancora incarnato così si attaccano al corpo fisico/energetico di un’anima incarnata. Anime disincarnate che diventano entità possono essere suddivisi in due categorie:

Spiriti erranti (da non confondere con gli Erranti/Wanderers): anime che non si rendono conto che sono passati oltre il piano fisico o sentono che hanno sul piano fisico cose da attuare.

Spiriti “caduti”: anime che hanno poche intenzioni benevole quando si collegano a un anima incarnata. Un ospite è un individuo incarnato che condivide volontariamente il proprio corpo con altre anime, pur mantenendo la propria coscienza e senso di sé.

Starseeds: Semi Stellari

Questi sono esseri provenienti da altri pianeti, sistemi stellari o galassie. Le motivazioni che spingono semi stellari a venire sul nostro pianeta sono, di solito, aiutare la trasformazione evolutiva della Terra. I Figli delle stelle hanno una consapevolezza della coscienza galattica. I nuovi Starseeds hanno avuto poche o nessuna vita precedente sulla terra e possono avere dei momenti difficili di regolazione con l’ambiente terrestre. Le Vecchie anime Starseeds  hanno avuto centinaia di vite sulla Terra, essi sono spesso maestri spirituali, sciamani, profeti, lightworkers, guaritori e leader. Tecnicamente parlando, tutti gli esseri umani sono probabilmente semi stellari se il lignaggio porta fino alla sorgente.

Erranti/Wanderers

Questi esseri sono anime provenienti da altri sistemi o dimensioni superiori, che vengono sulla Terra con una missione specifica. Spesso questa missione è aiutare a preparare l’umanità per il cambiamento. Dopo il completamento della missione, tornano “a casa”. Maggiori dettagli su questo si ricevono durante una Lettura Akashica del Profilo Spirituale dell’Anima. Tecnicamente parlando, tutte le anime sono Wanderers, perché esse sperimentano molte realtà contemporaneamente. Il tornare a “casa” di un anima è il ritorno alla coscienza superiore, come scintilla di luce e l’eventuale riunione con la Sorgente di Tutto Ciò Che È.

La condivisione dell’articolo lasciandolo integro e citando la fonte crea buon Karma 🙂

 

talea-nuovo-inizio-lettura-akashica-espavo

Viviamo tempi di cambiamento, molte persone si sentono disorientate, in forte crisi esistenziale e personale. Per questo dobbiamo lavorare su noi stessi, capire veramente chi siamo, cosa realmente vogliamo e desideriamo fare ed essere.

Ho deciso da oggi di creare Talea 🌱 una talea è una parte che genera un nuovo individuo, e credo che è quello che tutti noi siamo chiamati a fare in questo tempo: generare il nuovo Io, che poi è quello più vicino al vero Io Sono.

Desidero compiere questo lavoro su di me, ma voglio condividerlo e lavorare con voi. Quindi pubblicherò sulla pagina degli spunti di lavoro e se ne avete voglia potete avere un quaderno dedicato a tale scopo.

Al momento non so cosa esattamente pubblicherò, ho sentito che dovevo e quindi mi affido e mi metto al servizio, certa che sarò supportata durante il viaggio. Che ne pensate? Vi piace l’idea?

Ripartire da una Talea 🌱

Talea
sostantivo femminile
Parte di una pianta (per lo più un ramo provvisto di almeno una gemma) capace di emettere radici e di rigenerare un nuovo individuo

 

Talea n°1: Ordine e pulizia🌱

Come detto iniziamo questa sorta di percorso di auto-aiuto per uscire dalla vecchia vita ed entrare nella nuova.

Non si può iniziare nulla senza prima fare pulizia ed ordine, o usando un neologismo: decluttering, ovvero riorganizzare gli spazi eliminando quello che non ci serve più, ottenendo spazio utile per il nuovo.

Questa pratica per una crescita spirituale la adotteremo a più livelli, ovvero sarà necessario ri-pulire vari ambiti della nostra vita, che spaziano dalla materia, a quella relazionale e alla vita virtuale.

“Così come laviamo il nostro corpo dovremmo lavare il destino, cambiare vita come cambiamo biancheria: non per provvedere al sostentamento della nostra vita, come col cibo e col sonno, ma per quell’estraneo rispetto per noi stessi che giustamente si chiama pulizia.”

Fernando Pessoa

 

Lista di ambiti e situazioni da pulire ed ordinare:

🌱 Amici su Facebook

Se siete qui sicuramente vivete in simbiosi con il vostro smartphone o altro apparato tecnologico. Immagino abbiate un profilo Facebook, e molti di voi probabilmente avranno altre iscrizioni su social network. Bene, è tempo di fare un po’ di pulizia…passate al rastrello tutte le vostre amicizie su Facebook, andate alla lista ed iniziate a valutare persona per persona. Fate lo stesso per tutti gli altri social.

Ovviamente non stiamo eliminando la persona giudicandola, ma semplicemente valutando il senso della sua presenza (se pur virtuale) nella nostra vita.

Se vi rendete conto del fatto che i post che pubblica una persona non sono in linea con i vostri valori, se vi accorgete che con alcuni di loro non avete mai condiviso un messaggio, un apprezzamento, uno scambio di opinioni, beh allora credo sia opportuno ringraziare e cancellarlo dalla lista di amici.

🌱 Lo Spazio Virtuale

🌱Rubrica e e-mail. Molti di noi hanno almeno un indirizzo di posta elettronica. Se ne avete più di uno valutate di chiudere quegli indirizzi che non utilizzate. Fate pulizia nei contatti della rubrica con lo stesso principio usato per il primo punto, e cancellate e-mail del paleolitico e svuotate i cestini da spam e altro.

🌱 Il desktop del PC o le App sullo smartphone: anche qui fate pulizia come sopra.

🌱Disiscriversi da tutte le newsletter che sono inutili o non vi piacciono o che comunque non apportano nessun contributo in termini di crescita o gioia.

🌱 La casa e i suoi spazi

Ora la cosa si fa più complessa, è necessario fare ordine e pulizia anche nelle nostre case, tra le nostre cose e nel nostro armadio, il metodo Marie Kondo docet.

Non affrontate tutto in una volta, ma concentratevi su una stanza alla volta, o se proprio siete terrorizzati all’idea procedete con un mobile alla volta.

Procedete in questo modo, prendete in mano l’oggetto, il libro o l’abito e ascoltatevi. E’ associato a un pensiero o emozione piacevole? Ancora lo desiderate? Vi piace? Nel caso non fosse così  considerate l’opportunità di donarlo per beneficenza o ad un mercatino se è in buono stato, oppure semplicemente buttarlo via, ma occhio alle regole di riciclo per madre Terra.

🌱 Relazioni

Questo vale anche con le relazioni reali della nostra vita. Alcune persone sono destinate ad esserci sempre, se con queste si verificano dissapori ma a loro teniamo e sono persone importanti nella nostra vita, allora li va compiuto un lavoro più profondo e di altra natura.

Altre persone ci accompagnano solo per un pezzo di strada, finita la quale le ringraziamo di questa presenza e le lasciamo libere. Questa pratica di ringraziare e lasciare liberi potete farla in meditazione e visualizzando questo, fatelo anche con persone che nella vita reale non ci sono già più, cioè che non vedete o frequentate, ma per voi sono presenze costanti nella mente e nel cuore.

Se è necessario chiedete scusa, o perdonate, a seconda dei casi, ringraziate e lasciate andare.

Potreste usare questo decreto:

” (nome della persona), ti ringrazio di aver fatto parte di questa mia vita. Ti perdono per quello che mi hai fatto oppure ti chiedo scusa per quello che ti ho fatto. ti perdono/ti chiedo scusa e ti lascio libero/a. Grazie.”

 

ikigai-lettura-akashica-felicità-scopo-ragion-di-essere

IKIGAI: Trovare la propria ragion d’essere.

Che cosa ti porta fuori dal letto la mattina?

Alla domanda su cosa è il singolo più potente fattore che contribuisce per la salute e la vitalità, il medico integrato Oscar Serrallach ha risposto senza esitazione: avere un senso o uno scopo. Serrallach continua descrivendo che, mentre alcuni dei suoi pazienti hanno sviluppato migliori regimi di nutrizione, attività e stile di vita e il movimento per sostenere il loro benessere; quelli senza un chiaro senso e scopo nella loro esperienza di vita continuano la lotta con problemi di salute fisica. […]

La cultura giapponese ha in realtà una parola che risponde a questo punto. La parola è ikigai e si traduce semplicemente come, ‘ragion d’essere’.

Qual è la tua ragion d’essere?

Secondo i giapponesi, tutti hanno una ikigai. Trovarla spesso richiede profonda indagine e lunga ricerca di sé una ricerca che è molto apprezzata.

ikigai-lettura-akashica-felicità

Il termine ikigai è composto da due parole giapponesi: iki riferendosi alla vita, e Kai, che significa più o meno “la realizzazione di ciò che ci si aspetta e spera”.[…], ikigai è visto come la convergenza di quattro elementi primari:

💜Ciò che si ama (la tua passione)
💚Quali sono le esigenze del mondo (la tua missione)
💙Che cosa sei bravo a… (la tua vocazione)
💛Per che cosa si può essere pagati (la tua professione)

La parola ikigai, che è lo spazio in mezzo a questi quattro elementi, è visto come la fonte di valore o di ciò che rende la vita veramente interessante. In Okinawa, in Giappone, ikigai è pensato come “una ragione per alzarsi la mattina”.

È interessante notare che, certamente incorporando gli aspetti finanziari della vita, la parola è più spesso utilizzata per riferirsi allo stato mentale e spirituale base della nostra condizione in contrasto con la sola nostra condizione economica attuale. (che in occidente diventa il nostro principale focus, N.d.E.)

Anche se ci stiamo muovendo attraverso un periodo buio e difficile, se ci stiamo muovendo con uno scopo, se ci si sente chiamati verso qualcosa o si ha un chiaro obiettivo in mente, possiamo ancora sperimentare ikigai.

Spesso i comportamenti che ci fanno sentire ikigai non sono quelli che siamo costretti a prendere in base alle aspettative del mondo intorno a noi, ma piuttosto sono le azioni naturali e le risposte spontanee che emergono da una connessione profonda e diretta con la vita.

La questione dello scopo

Molte antiche culture indigene utilizzavano del tempo per onorare la domanda dello scopo (di vita) attraverso una cerimonia, ricerca della visione e riti di passaggio, al fine di aiutare a rivelare il ruolo essenziale per cui ogni membro era nato per “giocare” all’interno della tribù e nella storia della vita; anche se il tempo per questa domanda e ricerca non sembra esistere oggi.

Per molte persone, le decisioni che riguardano il mettere a fuoco la vita si svolgono in modo più reazionario, spingendoci in percorsi formativi, professionali e direzionali di vita basati poco su una profonda vocazione interiore o ispirati dalla visione dell’anima, e più su le aspettative della società, la cosiddetta ‘realtà pratica’ e ciò che è necessario per Sopravvivere nei sistemi che abbiamo creato per viverci all’interno! (assurdo N.d.E.)

La verità è che, se non ci fosse mai stato prima un momento sul nostro pianeta in cui è necessario dare un senso di vero scopo alla vita, ebbene ora è quel tempo. Ma tra le pressioni multi-stratificate del nostro mondo moderno, come possiamo scalfire gli strati e scoprire il motivo per cui siamo qui e quello che veramente dovremmo fare?

Un esperto di mitologia e autore americano Joseph Campbell ha condiviso la sua visione rispetto al nostro scopo quando ha detto: la mia formula generale per i miei studenti è “Segui la tua Felicità. Cerca dov’è, e non avere paura di seguirla.”

L’Attivismo Sacro, ci incoraggia d’altra parte a cercare il nostro scopo ‘seguendo il nostro cuore spezzato’. Andrew Harvey ci invita a scoprire ciò che è più profondamente inquietante nel nostro mondo e di utilizzare questo come un catalizzatore per spingere le nostre azioni e scoprire dove possiamo fare la differenza più grande.

Intanto, il leader filosofo per i diritti civili Howard W Thurman ha detto:

“Non chiedere di cosa il mondo ha bisogno. Chiedetevi ciò che vi fa sentire vivi e fatelo … Perché ciò di cui il mondo ha davvero bisogno sono le persone che si sentono in vita.”

Mentre ciascuno di questi punti di vista sono fortemente convincenti, se stiamo seguendo la nostra felicità, seguendo il “cuore spezzato”, o quello che ci fa sentire vivi (o una combinazione di tutti e tre!), per molti di noi vi è anche un apparente bisogno di seguire quello che paga le bollette ogni mese e ci permette di coprire le necessità di base della vita.

Quindi, come possiamo bilanciare tutti questi fattori nella creazione di una vita che è significativa, mirata e in linea con la nostra vera vocazione? E ‘possibile avere tutto? L’essenza di ikigai ci dà un quadro di equilibrio di questi elementi in un insieme coerente.

Passione come veicolo per il cambiamento e il contributo

Mentre il mondo si muove attraverso un massiccio cambiamento a molti livelli, sempre più persone si sentono chiamate ad allineare le loro competenze e doni con una causa superiore o senso di contributo ad esso.

Begli esempi stanno emergendo in molte arene di cambiamento sociale e l’attivismo in cui le persone non stanno abbandonando la loro passione per la causa, ma piuttosto incanalare la cosa che più amano fare in direzione di un cambiamento positivo e scoprire modi ispirati per sostenere se stessi lungo la strada. […]

Qual è il tuo ikigai?

Prendetevi un momento per disegnare la vostra versione dei cerchi sovrapposti del simbolo ikigai e considerate quanto segue:

  • Cosa ti piace?
  • Quali aspetti della tua vita ti portano nel tuo cuore e ti fanno sentire vivo?
  • In Cosa sei grande?
  • Quali competenze uniche hai che sono più naturali per te?
  • Quali talenti hai coltivato e in che cosa primeggi anche quando non si sta cercando?
  • In quale Causa Credi ?
  • Che cosa ti “spezza il cuore” o “tira” il tuo intestino?
  • Quale cambiamento, con più amore, vuoi creare nel mondo?
  • Per cosa vorresti dare la vita?
  • Per quale tuo valore la gente ti paga?
  • Che tipo di servizio, valore o offerta porti, o potresti portare, che apporta un valore reale per gli altri?
  • Ci sono persone che hanno bisogno e sono felici di pagare o condividere qualche valore (scambiare servizi o beni, N.d.E.) in cambio?

Prendete un paio di minuti per scrivere qualsiasi parola chiave, frasi e idee arriveranno per voi in ogni cerchio (nel marketing si usa dire fare Brainstorming, N.d.E.), quindi cercate aree di naturale sovrapposizione. Riflettete sulla somma totale di questi elementi e come essi possono relazionarsi gli uni agli altri.

Portarsi tranquillamente al centro dei cerchi e lasciare spazio nella vostra mente per qualsiasi impulso o di chiamata che possa emergere naturalmente nei prossimi giorni…

Quale è una semplice cosa che potresti fare o essere oggi che potrebbe essere l’espressione della tua ikigai?

 

Fonte: https://goo.gl/u6FkxB

Traduzione e adattamento: https://www.facebook.com/espavo/
La condivisione crea buon Karma quando si cita la fonte 🙂

 

 

frammenti-anima-musica

L’Anima e i suoi Frammenti

In certi simbolismi iniziatici, l’anima umana è rappresentata dal simbolo di una rosa con più petali, che si apre come l’essere umano apre e sviluppa il suo Sé interiore.

In diversi tipi di terapie energetiche, quello a cui i petali della rosa equivalgono si chiamano “sfaccettature dell’anima”, per cercare di esprimere che, è il corpo cosciente che mantiene i contatti tra il Sé Superiore di una persona e la personalità, che noi chiamiamo “anima” e che ci dà la continuità della coscienza tra le incarnazioni, ed è composta, a livello energetico, di più frammenti collegati tra loro dal vincolo comune la vibrazione di base che ci rappresenta.

In alcuni casi, a seconda delle diverse situazioni che abbiamo passato, alcuni di questi aspetti possono essere “persi” o separati, agganciandosi, allungandosi o ancorandosi ad altre persone, energie o piani.

Forse per quelli di voi più esperti in temi sciamanici suonerà il concetto di “andare a recuperare” parti o frammenti di anima di una persona che sono stati rimossi, persi, rubati anche da altre entità, che formano parte del tessuto del pianeta in cui viviamo, e che da quando esistiamo in modo multidimensionale, ci sono Frammenti della nostra anima che potrebbero essere collegate o perse in piani multipli di cui la mente razionale non è a conoscenza.

Un caso di studio, accaduto recentemente, si è verificato durante una terapia di Guarigione Akashica che presentava un problema di assimilazione di ciò che è stato letto.

Semplicemente, la persona era incapace di elaborare qualsiasi cosa, lasciando per stanchezza quello che si stava studiando per un paio di minuti per arrivare ad essa. La prima diagnosi rivelò una saturazione di informazioni nel corpo mentale, “non tenere qualcosa di più”, e ricercando sul perchè di questa saturazione, si svelò una perdita di diversi Frammenti dell’anima della persona che contenevano o che incorporavano la capacità di analisi della stessa.

In assenza di tre di questi aspetti (in questo caso a causa di una interazione non conscia con altri piani e un “furto” di questi), sono stati annullati parti delle funzioni psichiche delle sfere mentali della persona, e il materiale del corpo mentale assimilato dai sensi (la lettura) si accumulava senza alcuna elaborazione (non si eliminava nulla o non si conservava correttamente) dando origine alla saturazione percepita per la personalità e la sensazione di intossicazione mentale e nel corpo fisico.

Generalmente, non sempre questo tipo di perdita (di frammenti d’anima, N.d.E.) si verifica dall’interazione con altri livelli della nostra realtà. A volte si verifica in situazioni estreme: incidenti, morte di un parente, un evento tragico, ecc., che generano blocchi diversi, come traumi, ma che possono influenzare ancora più profondamente, con conseguente frammentazione e “defogliazione” delle componenti energetiche che ci dà ciò che noi chiamiamo la perdita di frammenti dell’anima. Nei casi meno gravi e meno severi, questa perdita di sfaccettature può verificarsi anche quando vi è un’interazione tra due persone.

Sempre la causa è oltre il mondo fisico

Esempi come questi ci danno l’esperienza pratica di vedere, in una situazione di vita quotidiana, come una disfunzione di energia in uno dei corpi o parti di ciò che noi siamo crea così tante ripercussioni a livello fisico. Nonostante tutto quello che nega la scienza e la medicina “ufficiale”, per cercare le cause di qualsiasi problema fisico nello stesso corpo solido, raramente vi è un sintomo fisico che ha la sua radice nel corpo che usiamo.

Per coloro che sono un po’ meno chiusi mentalmente, è abbastanza accettato come le emozioni umane hanno un rapporto molto preciso con la nostra salute.

Il lato mentale o psicologico dell’uomo è così strettamente associato con le normali funzioni degli organi del corpo, e l’attività del sistema nervoso, che tutto ciò che disturba l’armonia o l’equilibrio dell’energia nervosa, sconvolge l’armonia, la salute e provoca la malattia o disagio.

Qui abbiamo iniziato a parlare di una disfunzione nell’anima, che raramente diagnostichiamo, ma non è necessario andare “così in alto”, nella maggior parte dei casi, lavorando con il corpo eterico, emozionale e mentale, e in rare occasioni con il corpo causale, possiamo trovare la fonte della maggior parte dei problemi e malattie che abbiamo.

L’interazione dei corpi sottili con il veicolo organico

Perchè una disfunzione nei corpi sottili dell’essere umano finisca per causare un problema nel corpo fisico, è necessario che questa disfunzione venga ad esso e in generale questo accade interconnettendo canali tra le componenti della nostra struttura.
Ad esempio, il sistema nervoso simpatico e il sistema nervoso parasimpatico (che possiedono la connessione con la nostra parte psichica e eterica) sono due canali separati per l’espressione dell’energia vitale nel corpo e per la distribuzione di questa energia in tutte le parti di esso.

Tutto ciò che interrompe il flusso naturale e l’attività di energia nervosa proveniente da un blocco: eterico, emozionale, mentale, ecc., produce non solo un effetto nel suo corrispondente corpo sottile, ma anche un effetto chimico-fisico sul corpo umano, perché lungo questo sono distribuiti i principali gangli e centri nervosi (che corrono lungo la spina dorsale), e vari centri psichici o chakra che sono responsabili di alimentare e nutrire tutti gli organi del corpo.

Così, tanto i differenti gangli come i differenti chakra sono collegati al sistema nervoso, e vi è un rapporto armonico tra di loro come quello tra le note della scala musicale. Il primo ganglio cervicale, per esempio, contiene numerosi collegamenti con tutti gli organi della testa e anche con i tessuti e muscoli del collo, e interagisce per esempio con la ghiandola pineale, la ghiandola pituitaria, l’ipotalamo, ecc. Un mal di testa, per esempio, può essere diminuito agendo energeticamente su tale punto.

Musica per i nervi

I dodici grandi centri psichici che abbiamo (chakra principali e alcuni secondari) sono correlati, per ciascuna persona, ai dodici suoni definiti l’ottava musicale (l’aggiunta di note, la sua costante e punti di salto dell’ottava MI-FA, SI-DO  ci sono 12 “gradi” di energia vibrazionale in una ottava).

Queste note musicali sono diverse in ogni essere umano, cioè, il plesso solare può vibrare o essere attivato con la nota DO in una persona e la nota Mi in un’altra, ma in generale, le differenze non variano molto.

Altri centri psichici sul lato sinistro della testa possono riverberare con la nota FA in una persona e FA # in un altra. Secondo come si cresce o sviluppiamo intellettualmente e psichicamente, la frequenza di risonanza che stimola un chakra può salire, o al contrario, nelle persone in cui la forza fisica è compromessa da malattie o legge naturale, il tono di riverbero necessario per stimolarlo può diventare considerevolmente basso.

Vibrando con l’ambiente

Noi siamo sensibili alle vibrazioni di energia dell’ambiente, e immagino che tutti abbiamo vissuto situazioni in cui, ad esempio, quando una determinata nota viene suonata su un pianoforte, violino o qualsiasi altro strumento, diverse parti del vostro corpo rispondono vibrando a quella nota.

Ad esempio, se il plesso solare di una persona riverbera con il MI naturale, nella prima ottava sopra il DO centrale, quando la nota viene suonata o cantata in sua presenza, ci sarà uno stimolo nelle vibrazioni del sistema nervoso che agisce sul plesso solare, che farà si che il centro nervoso, che è collegato, funzioni attivamente e con un effetto tonico su tutte le parti del corpo che sono collegate con quel chakra, o il ganglio più vicino (in questo caso, il primo ganglio lombare del sistema nervoso).

D’altra parte, qualunque nota che sia in dissonanza con la nota MI o non in armonia con essa, e che arriverà a “toccare” lo stesso punto, causerà che il plesso solare della persona ne sarà perturbato, e si avrà una distorsione nel funzionamento armonico o ritmico dell’ energia connessa con quel centro.

In questo caso, si percepirà una sensazione di disagio, pressione, dolore o stress che di solito cessa al cessare della vibrazione che l’ha causata, e il corpo riacquista l’ equilibrio da solo gradualmente.

Un insieme perfettamente sintonizzato

In sintesi, l’idea da trasmettere è che una disfunzione di energia in qualsiasi componente delle strutture sottili finisce per produrre una alterazione del flusso di energia vitale, che interessa nel tempo uno o più centri psichici, collegati al sistema nervoso, si “depotenziano” creando disarmonia tra di loro.

Se una delle componenti fisiche o mentali, vibrano in “disaccordo”, tutto l’insieme suona male, come un’orchestra mal accordata. I corpi fisici che dipendono da questi centri quindi andranno fuori fase (velocemente o lentamente, a seconda della dissonanza) e così abbiamo il sintomo fisico che è quello che noi notiamo.

Quando ripristiniamo l’armonia tra le componenti di origine, e tutto torna a riverberare nella nota “che la sfiora”, il tutto torna a funzionare in modo ottimale, e la salute e il benessere tornano a instaurarsi nella persona.

 

FONTE: Questo articolo è ripreso da davidtopi.com, © [Dicembre 28, 2016], ed è disponibile su http://davidtopi.com
Autore: David Topí
Traduzione e adattamento: ESPAVO: LetturaAkashica & TecnicheEnergetiche
Condividere citando la fonte Crea Buon Karma 🙂