talea-nuovo-inizio-lettura-akashica-espavo

Viviamo tempi di cambiamento, molte persone si sentono disorientate, in forte crisi esistenziale e personale. Per questo dobbiamo lavorare su noi stessi, capire veramente chi siamo, cosa realmente vogliamo e desideriamo fare ed essere.

Ho deciso da oggi di creare Talea 🌱 una talea è una parte che genera un nuovo individuo, e credo che è quello che tutti noi siamo chiamati a fare in questo tempo: generare il nuovo Io, che poi è quello più vicino al vero Io Sono.

Desidero compiere questo lavoro su di me, ma voglio condividerlo e lavorare con voi. Quindi pubblicherò sulla pagina degli spunti di lavoro e se ne avete voglia potete avere un quaderno dedicato a tale scopo.

Al momento non so cosa esattamente pubblicherò, ho sentito che dovevo e quindi mi affido e mi metto al servizio, certa che sarò supportata durante il viaggio. Che ne pensate? Vi piace l’idea?

Ripartire da una Talea 🌱

Talea
sostantivo femminile
Parte di una pianta (per lo più un ramo provvisto di almeno una gemma) capace di emettere radici e di rigenerare un nuovo individuo

 

Talea n°1: Ordine e pulizia🌱

Come detto iniziamo questa sorta di percorso di auto-aiuto per uscire dalla vecchia vita ed entrare nella nuova.

Non si può iniziare nulla senza prima fare pulizia ed ordine, o usando un neologismo: decluttering, ovvero riorganizzare gli spazi eliminando quello che non ci serve più, ottenendo spazio utile per il nuovo.

Questa pratica per una crescita spirituale la adotteremo a più livelli, ovvero sarà necessario ri-pulire vari ambiti della nostra vita, che spaziano dalla materia, a quella relazionale e alla vita virtuale.

“Così come laviamo il nostro corpo dovremmo lavare il destino, cambiare vita come cambiamo biancheria: non per provvedere al sostentamento della nostra vita, come col cibo e col sonno, ma per quell’estraneo rispetto per noi stessi che giustamente si chiama pulizia.”

Fernando Pessoa

 

Lista di ambiti e situazioni da pulire ed ordinare:

🌱 Amici su Facebook

Se siete qui sicuramente vivete in simbiosi con il vostro smartphone o altro apparato tecnologico. Immagino abbiate un profilo Facebook, e molti di voi probabilmente avranno altre iscrizioni su social network. Bene, è tempo di fare un po’ di pulizia…passate al rastrello tutte le vostre amicizie su Facebook, andate alla lista ed iniziate a valutare persona per persona. Fate lo stesso per tutti gli altri social.

Ovviamente non stiamo eliminando la persona giudicandola, ma semplicemente valutando il senso della sua presenza (se pur virtuale) nella nostra vita.

Se vi rendete conto del fatto che i post che pubblica una persona non sono in linea con i vostri valori, se vi accorgete che con alcuni di loro non avete mai condiviso un messaggio, un apprezzamento, uno scambio di opinioni, beh allora credo sia opportuno ringraziare e cancellarlo dalla lista di amici.

🌱 Lo Spazio Virtuale

🌱Rubrica e e-mail. Molti di noi hanno almeno un indirizzo di posta elettronica. Se ne avete più di uno valutate di chiudere quegli indirizzi che non utilizzate. Fate pulizia nei contatti della rubrica con lo stesso principio usato per il primo punto, e cancellate e-mail del paleolitico e svuotate i cestini da spam e altro.

🌱 Il desktop del PC o le App sullo smartphone: anche qui fate pulizia come sopra.

🌱Disiscriversi da tutte le newsletter che sono inutili o non vi piacciono o che comunque non apportano nessun contributo in termini di crescita o gioia.

🌱 La casa e i suoi spazi

Ora la cosa si fa più complessa, è necessario fare ordine e pulizia anche nelle nostre case, tra le nostre cose e nel nostro armadio, il metodo Marie Kondo docet.

Non affrontate tutto in una volta, ma concentratevi su una stanza alla volta, o se proprio siete terrorizzati all’idea procedete con un mobile alla volta.

Procedete in questo modo, prendete in mano l’oggetto, il libro o l’abito e ascoltatevi. E’ associato a un pensiero o emozione piacevole? Ancora lo desiderate? Vi piace? Nel caso non fosse così  considerate l’opportunità di donarlo per beneficenza o ad un mercatino se è in buono stato, oppure semplicemente buttarlo via, ma occhio alle regole di riciclo per madre Terra.

🌱 Relazioni

Questo vale anche con le relazioni reali della nostra vita. Alcune persone sono destinate ad esserci sempre, se con queste si verificano dissapori ma a loro teniamo e sono persone importanti nella nostra vita, allora li va compiuto un lavoro più profondo e di altra natura.

Altre persone ci accompagnano solo per un pezzo di strada, finita la quale le ringraziamo di questa presenza e le lasciamo libere. Questa pratica di ringraziare e lasciare liberi potete farla in meditazione e visualizzando questo, fatelo anche con persone che nella vita reale non ci sono già più, cioè che non vedete o frequentate, ma per voi sono presenze costanti nella mente e nel cuore.

Se è necessario chiedete scusa, o perdonate, a seconda dei casi, ringraziate e lasciate andare.

Potreste usare questo decreto:

” (nome della persona), ti ringrazio di aver fatto parte di questa mia vita. Ti perdono per quello che mi hai fatto oppure ti chiedo scusa per quello che ti ho fatto. ti perdono/ti chiedo scusa e ti lascio libero/a. Grazie.”

ikigai-lettura-akashica-felicità

IKIGAI: Trovare la propria ragion d’essere.

Che cosa ti porta fuori dal letto la mattina?

Alla domanda su cosa è il singolo più potente fattore che contribuisce per la salute e la vitalità, il medico integrato Oscar Serrallach ha risposto senza esitazione: avere un senso o uno scopo. Serrallach continua descrivendo che, mentre alcuni dei suoi pazienti hanno sviluppato migliori regimi di nutrizione, attività e stile di vita e il movimento per sostenere il loro benessere; quelli senza un chiaro senso e scopo nella loro esperienza di vita continuano la lotta con problemi di salute fisica. […]

La cultura giapponese ha in realtà una parola che risponde a questo punto. La parola è ikigai e si traduce semplicemente come, ‘ragion d’essere’.

Qual è la tua ragion d’essere?

Secondo i giapponesi, tutti hanno una ikigai. Trovarla spesso richiede profonda indagine e lunga ricerca di sé una ricerca che è molto apprezzata.

ikigai-lettura-akashica-felicità

Il termine ikigai è composto da due parole giapponesi: iki riferendosi alla vita, e Kai, che significa più o meno “la realizzazione di ciò che ci si aspetta e spera”.[…], ikigai è visto come la convergenza di quattro elementi primari:

💜Ciò che si ama (la tua passione)
💚Quali sono le esigenze del mondo (la tua missione)
💙Che cosa sei bravo a… (la tua vocazione)
💛Per che cosa si può essere pagati (la tua professione)

La parola ikigai, che è lo spazio in mezzo a questi quattro elementi, è visto come la fonte di valore o di ciò che rende la vita veramente interessante. In Okinawa, in Giappone, ikigai è pensato come “una ragione per alzarsi la mattina”.

È interessante notare che, certamente incorporando gli aspetti finanziari della vita, la parola è più spesso utilizzata per riferirsi allo stato mentale e spirituale base della nostra condizione in contrasto con la sola nostra condizione economica attuale. (che in occidente diventa il nostro principale focus, N.d.E.)

Anche se ci stiamo muovendo attraverso un periodo buio e difficile, se ci stiamo muovendo con uno scopo, se ci si sente chiamati verso qualcosa o si ha un chiaro obiettivo in mente, possiamo ancora sperimentare ikigai.

Spesso i comportamenti che ci fanno sentire ikigai non sono quelli che siamo costretti a prendere in base alle aspettative del mondo intorno a noi, ma piuttosto sono le azioni naturali e le risposte spontanee che emergono da una connessione profonda e diretta con la vita.

La questione dello scopo

Molte antiche culture indigene utilizzavano del tempo per onorare la domanda dello scopo (di vita) attraverso una cerimonia, ricerca della visione e riti di passaggio, al fine di aiutare a rivelare il ruolo essenziale per cui ogni membro era nato per “giocare” all’interno della tribù e nella storia della vita; anche se il tempo per questa domanda e ricerca non sembra esistere oggi.

Per molte persone, le decisioni che riguardano il mettere a fuoco la vita si svolgono in modo più reazionario, spingendoci in percorsi formativi, professionali e direzionali di vita basati poco su una profonda vocazione interiore o ispirati dalla visione dell’anima, e più su le aspettative della società, la cosiddetta ‘realtà pratica’ e ciò che è necessario per Sopravvivere nei sistemi che abbiamo creato per viverci all’interno! (assurdo N.d.E.)

La verità è che, se non ci fosse mai stato prima un momento sul nostro pianeta in cui è necessario dare un senso di vero scopo alla vita, ebbene ora è quel tempo. Ma tra le pressioni multi-stratificate del nostro mondo moderno, come possiamo scalfire gli strati e scoprire il motivo per cui siamo qui e quello che veramente dovremmo fare?

Un esperto di mitologia e autore americano Joseph Campbell ha condiviso la sua visione rispetto al nostro scopo quando ha detto: la mia formula generale per i miei studenti è “Segui la tua Felicità. Cerca dov’è, e non avere paura di seguirla.”

L’Attivismo Sacro, ci incoraggia d’altra parte a cercare il nostro scopo ‘seguendo il nostro cuore spezzato’. Andrew Harvey ci invita a scoprire ciò che è più profondamente inquietante nel nostro mondo e di utilizzare questo come un catalizzatore per spingere le nostre azioni e scoprire dove possiamo fare la differenza più grande.

Intanto, il leader filosofo per i diritti civili Howard W Thurman ha detto:

“Non chiedere di cosa il mondo ha bisogno. Chiedetevi ciò che vi fa sentire vivi e fatelo … Perché ciò di cui il mondo ha davvero bisogno sono le persone che si sentono in vita.”

Mentre ciascuno di questi punti di vista sono fortemente convincenti, se stiamo seguendo la nostra felicità, seguendo il “cuore spezzato”, o quello che ci fa sentire vivi (o una combinazione di tutti e tre!), per molti di noi vi è anche un apparente bisogno di seguire quello che paga le bollette ogni mese e ci permette di coprire le necessità di base della vita.

Quindi, come possiamo bilanciare tutti questi fattori nella creazione di una vita che è significativa, mirata e in linea con la nostra vera vocazione? E ‘possibile avere tutto? L’essenza di ikigai ci dà un quadro di equilibrio di questi elementi in un insieme coerente.

Passione come veicolo per il cambiamento e il contributo

Mentre il mondo si muove attraverso un massiccio cambiamento a molti livelli, sempre più persone si sentono chiamate ad allineare le loro competenze e doni con una causa superiore o senso di contributo ad esso.

Begli esempi stanno emergendo in molte arene di cambiamento sociale e l’attivismo in cui le persone non stanno abbandonando la loro passione per la causa, ma piuttosto incanalare la cosa che più amano fare in direzione di un cambiamento positivo e scoprire modi ispirati per sostenere se stessi lungo la strada. […]

Qual è il tuo ikigai?

Prendetevi un momento per disegnare la vostra versione dei cerchi sovrapposti del simbolo ikigai e considerate quanto segue:

  • Cosa ti piace?
  • Quali aspetti della tua vita ti portano nel tuo cuore e ti fanno sentire vivo?
  • In Cosa sei grande?
  • Quali competenze uniche hai che sono più naturali per te?
  • Quali talenti hai coltivato e in che cosa primeggi anche quando non si sta cercando?
  • In quale Causa Credi ?
  • Che cosa ti “spezza il cuore” o “tira” il tuo intestino?
  • Quale cambiamento, con più amore, vuoi creare nel mondo?
  • Per cosa vorresti dare la vita?
  • Per quale tuo valore la gente ti paga?
  • Che tipo di servizio, valore o offerta porti, o potresti portare, che apporta un valore reale per gli altri?
  • Ci sono persone che hanno bisogno e sono felici di pagare o condividere qualche valore (scambiare servizi o beni, N.d.E.) in cambio?

Prendete un paio di minuti per scrivere qualsiasi parola chiave, frasi e idee arriveranno per voi in ogni cerchio (nel marketing si usa dire fare Brainstorming, N.d.E.), quindi cercate aree di naturale sovrapposizione. Riflettete sulla somma totale di questi elementi e come essi possono relazionarsi gli uni agli altri.

Portarsi tranquillamente al centro dei cerchi e lasciare spazio nella vostra mente per qualsiasi impulso o di chiamata che possa emergere naturalmente nei prossimi giorni…

Quale è una semplice cosa che potresti fare o essere oggi che potrebbe essere l’espressione della tua ikigai?

 

Fonte: https://goo.gl/u6FkxB

Traduzione e adattamento: https://www.facebook.com/espavo/
La condivisione crea buon Karma quando si cita la fonte 🙂

 

frammenti-anima-musica

L’Anima e i suoi Frammenti

In certi simbolismi iniziatici, l’anima umana è rappresentata dal simbolo di una rosa con più petali, che si apre come l’essere umano apre e sviluppa il suo Sé interiore.

In diversi tipi di terapie energetiche, quello a cui i petali della rosa equivalgono si chiamano “sfaccettature dell’anima”, per cercare di esprimere che, è il corpo cosciente che mantiene i contatti tra il Sé Superiore di una persona e la personalità, che noi chiamiamo “anima” e che ci dà la continuità della coscienza tra le incarnazioni, ed è composta, a livello energetico, di più frammenti collegati tra loro dal vincolo comune la vibrazione di base che ci rappresenta.

In alcuni casi, a seconda delle diverse situazioni che abbiamo passato, alcuni di questi aspetti possono essere “persi” o separati, agganciandosi, allungandosi o ancorandosi ad altre persone, energie o piani.

Forse per quelli di voi più esperti in temi sciamanici suonerà il concetto di “andare a recuperare” parti o frammenti di anima di una persona che sono stati rimossi, persi, rubati anche da altre entità, che formano parte del tessuto del pianeta in cui viviamo, e che da quando esistiamo in modo multidimensionale, ci sono Frammenti della nostra anima che potrebbero essere collegate o perse in piani multipli di cui la mente razionale non è a conoscenza.

Un caso di studio, accaduto recentemente, si è verificato durante una terapia di Guarigione Akashica che presentava un problema di assimilazione di ciò che è stato letto.

Semplicemente, la persona era incapace di elaborare qualsiasi cosa, lasciando per stanchezza quello che si stava studiando per un paio di minuti per arrivare ad essa. La prima diagnosi rivelò una saturazione di informazioni nel corpo mentale, “non tenere qualcosa di più”, e ricercando sul perchè di questa saturazione, si svelò una perdita di diversi Frammenti dell’anima della persona che contenevano o che incorporavano la capacità di analisi della stessa.

In assenza di tre di questi aspetti (in questo caso a causa di una interazione non conscia con altri piani e un “furto” di questi), sono stati annullati parti delle funzioni psichiche delle sfere mentali della persona, e il materiale del corpo mentale assimilato dai sensi (la lettura) si accumulava senza alcuna elaborazione (non si eliminava nulla o non si conservava correttamente) dando origine alla saturazione percepita per la personalità e la sensazione di intossicazione mentale e nel corpo fisico.

Generalmente, non sempre questo tipo di perdita (di frammenti d’anima, N.d.E.) si verifica dall’interazione con altri livelli della nostra realtà. A volte si verifica in situazioni estreme: incidenti, morte di un parente, un evento tragico, ecc., che generano blocchi diversi, come traumi, ma che possono influenzare ancora più profondamente, con conseguente frammentazione e “defogliazione” delle componenti energetiche che ci dà ciò che noi chiamiamo la perdita di frammenti dell’anima. Nei casi meno gravi e meno severi, questa perdita di sfaccettature può verificarsi anche quando vi è un’interazione tra due persone.

Sempre la causa è oltre il mondo fisico

Esempi come questi ci danno l’esperienza pratica di vedere, in una situazione di vita quotidiana, come una disfunzione di energia in uno dei corpi o parti di ciò che noi siamo crea così tante ripercussioni a livello fisico. Nonostante tutto quello che nega la scienza e la medicina “ufficiale”, per cercare le cause di qualsiasi problema fisico nello stesso corpo solido, raramente vi è un sintomo fisico che ha la sua radice nel corpo che usiamo.

Per coloro che sono un po’ meno chiusi mentalmente, è abbastanza accettato come le emozioni umane hanno un rapporto molto preciso con la nostra salute.

Il lato mentale o psicologico dell’uomo è così strettamente associato con le normali funzioni degli organi del corpo, e l’attività del sistema nervoso, che tutto ciò che disturba l’armonia o l’equilibrio dell’energia nervosa, sconvolge l’armonia, la salute e provoca la malattia o disagio.

Qui abbiamo iniziato a parlare di una disfunzione nell’anima, che raramente diagnostichiamo, ma non è necessario andare “così in alto”, nella maggior parte dei casi, lavorando con il corpo eterico, emozionale e mentale, e in rare occasioni con il corpo causale, possiamo trovare la fonte della maggior parte dei problemi e malattie che abbiamo.

L’interazione dei corpi sottili con il veicolo organico

Perchè una disfunzione nei corpi sottili dell’essere umano finisca per causare un problema nel corpo fisico, è necessario che questa disfunzione venga ad esso e in generale questo accade interconnettendo canali tra le componenti della nostra struttura.
Ad esempio, il sistema nervoso simpatico e il sistema nervoso parasimpatico (che possiedono la connessione con la nostra parte psichica e eterica) sono due canali separati per l’espressione dell’energia vitale nel corpo e per la distribuzione di questa energia in tutte le parti di esso.

Tutto ciò che interrompe il flusso naturale e l’attività di energia nervosa proveniente da un blocco: eterico, emozionale, mentale, ecc., produce non solo un effetto nel suo corrispondente corpo sottile, ma anche un effetto chimico-fisico sul corpo umano, perché lungo questo sono distribuiti i principali gangli e centri nervosi (che corrono lungo la spina dorsale), e vari centri psichici o chakra che sono responsabili di alimentare e nutrire tutti gli organi del corpo.

Così, tanto i differenti gangli come i differenti chakra sono collegati al sistema nervoso, e vi è un rapporto armonico tra di loro come quello tra le note della scala musicale. Il primo ganglio cervicale, per esempio, contiene numerosi collegamenti con tutti gli organi della testa e anche con i tessuti e muscoli del collo, e interagisce per esempio con la ghiandola pineale, la ghiandola pituitaria, l’ipotalamo, ecc. Un mal di testa, per esempio, può essere diminuito agendo energeticamente su tale punto.

Musica per i nervi

I dodici grandi centri psichici che abbiamo (chakra principali e alcuni secondari) sono correlati, per ciascuna persona, ai dodici suoni definiti l’ottava musicale (l’aggiunta di note, la sua costante e punti di salto dell’ottava MI-FA, SI-DO  ci sono 12 “gradi” di energia vibrazionale in una ottava).

Queste note musicali sono diverse in ogni essere umano, cioè, il plesso solare può vibrare o essere attivato con la nota DO in una persona e la nota Mi in un’altra, ma in generale, le differenze non variano molto.

Altri centri psichici sul lato sinistro della testa possono riverberare con la nota FA in una persona e FA # in un altra. Secondo come si cresce o sviluppiamo intellettualmente e psichicamente, la frequenza di risonanza che stimola un chakra può salire, o al contrario, nelle persone in cui la forza fisica è compromessa da malattie o legge naturale, il tono di riverbero necessario per stimolarlo può diventare considerevolmente basso.

Vibrando con l’ambiente

Noi siamo sensibili alle vibrazioni di energia dell’ambiente, e immagino che tutti abbiamo vissuto situazioni in cui, ad esempio, quando una determinata nota viene suonata su un pianoforte, violino o qualsiasi altro strumento, diverse parti del vostro corpo rispondono vibrando a quella nota.

Ad esempio, se il plesso solare di una persona riverbera con il MI naturale, nella prima ottava sopra il DO centrale, quando la nota viene suonata o cantata in sua presenza, ci sarà uno stimolo nelle vibrazioni del sistema nervoso che agisce sul plesso solare, che farà si che il centro nervoso, che è collegato, funzioni attivamente e con un effetto tonico su tutte le parti del corpo che sono collegate con quel chakra, o il ganglio più vicino (in questo caso, il primo ganglio lombare del sistema nervoso).

D’altra parte, qualunque nota che sia in dissonanza con la nota MI o non in armonia con essa, e che arriverà a “toccare” lo stesso punto, causerà che il plesso solare della persona ne sarà perturbato, e si avrà una distorsione nel funzionamento armonico o ritmico dell’ energia connessa con quel centro.

In questo caso, si percepirà una sensazione di disagio, pressione, dolore o stress che di solito cessa al cessare della vibrazione che l’ha causata, e il corpo riacquista l’ equilibrio da solo gradualmente.

Un insieme perfettamente sintonizzato

In sintesi, l’idea da trasmettere è che una disfunzione di energia in qualsiasi componente delle strutture sottili finisce per produrre una alterazione del flusso di energia vitale, che interessa nel tempo uno o più centri psichici, collegati al sistema nervoso, si “depotenziano” creando disarmonia tra di loro.

Se una delle componenti fisiche o mentali, vibrano in “disaccordo”, tutto l’insieme suona male, come un’orchestra mal accordata. I corpi fisici che dipendono da questi centri quindi andranno fuori fase (velocemente o lentamente, a seconda della dissonanza) e così abbiamo il sintomo fisico che è quello che noi notiamo.

Quando ripristiniamo l’armonia tra le componenti di origine, e tutto torna a riverberare nella nota “che la sfiora”, il tutto torna a funzionare in modo ottimale, e la salute e il benessere tornano a instaurarsi nella persona.

 

FONTE: Questo articolo è ripreso da davidtopi.com, © [Dicembre 28, 2016], ed è disponibile su http://davidtopi.com
Autore: David Topí
Traduzione e adattamento: ESPAVO: LetturaAkashica & TecnicheEnergetiche
Condividere citando la fonte Crea Buon Karma 🙂

flusso e coscienza

Una maggiore coscienza e l’aumentare la nostra frequenza vibrazionale è tutta una questione di flusso. Vogliamo avere un libero flusso di comunicazione tra il nostro corpo, mente e spirito. Molto spesso, quando si parla di come elevare la nostra coscienza si parla di come spostare la nostra energia. I diversi sistemi di energia che creano la nostra matrice energetica sono importanti, ma queste interazioni sono solo una parte dell’equazione. Anche i nostri corpi fisici hanno bisogno di essere in sintonia oppure il corpo diventa un impedimento a tale flusso.

Vogliamo che i nostri corpi siano un recipiente pulito e chiaro per permettere all’energia di muoversi liberamente. Anche se questo corpo materiale può sembrare lento e rallentare ci sono cose che possiamo fare per apportare miglioramenti che alla fine condurranno a una migliore salute e ad una frequenza vibrazionale più elevata. Quindi, nella vostra ricerca di coscienza superiore, chiedetevi, quale sistema ha bisogno della vostra attenzione?

Il sistema cardiovascolare: Il tuo cuore è congestionato?

Secondo l’Istituto di HeartMath, (dove si studia la matematica del cuore, N.d.E.) il cuore è un sistema completo e complesso tutto da solo. Infatti, la forza elettromagnetica del cuore è molto più forte di quella del cervello o altri organi. Essi hanno anche visto nelle loro ricerche che il cuore è stato progettato per promuovere la coerenza; il che significa che può portare altri organi e il cervello in allineamento armonioso. Nella ricerca in seguito, hanno trovato che questa coerenza può essere raggiunta con la Terra e le altre persone. Non è una coincidenza che le malattie cardiovascolari sono tra le più alte cause di morte negli Stati Uniti. La nostra società individualista che valorizza la concorrenza nel corso della cooperazione genera molti sentimenti negativi che pesano sul cuore.

Proposte di miglioramento per aumento della coscienza in questo sistema:

Trovare la maniera di esprimere in modo appropriato la tua emozione

Meditazione apertura del cuore / posture yoga

Tecniche di riduzione dello stress

Diario della gratitudine

Perdono

Il sistema linfatico – Sei tossico?

Il sistema linfatico è una parte essenziale del sistema immunitario. È importante nella prevenzione di malattie e svolge un ruolo chiave nella guarigione. Esso aiuta a sgombrare il campo da tossine, scorie metaboliche e liquidi in eccesso che, se non curato questi possono indugiare nel corpo e stagnare negli organi e portare alla malattia. Il flusso della linfa non è pompato attraverso il corpo come fa il sangue dal cuore, il suo principale mezzo di trasporto è attraverso il movimento dei muscoli.

Quindi è indispensabile una regolare attività fisica per la salute di questo sistema. Uno dei segni sicuri che il vostro sistema linfatico è bloccato è il gonfiore, noduli dolorosi e dossi nei vostri linfonodi. Un problema con il vostro sistema linfatico può anche causare grave affaticamento, allergie, malattie della pelle e problemi cardiaci. La ragione per cui il sistema linfatico è così importante nel sollevare la nostra vibrazione e coscienza  è che è il sistema di smaltimento dei rifiuti del corpo. Un corpo pieno di tossine appesantisce lo spirito.

Proposte di miglioramento per aumento della coscienza in questo sistema:

Spazzolatura della pelle/ auto massaggio

Sudorazione

Sistema endocrino: Che lingua parli?

Il sistema endocrino è il linguaggio del corpo. Questi comunicatori biochimici inviano messaggi per tutto il corpo, nella speranza di mantenere l’omeostasi. I nostri corpi hanno molti processi di regolamentazione che sono regolati da questi comunicatori chimici. Il sistema endocrino regola tutto, compreso il metabolismo, la riproduzione, l’umore e la nostra crescita e lo sviluppo. Per questo motivo è il sistema di equilibrio. Se teniamo noi stessi sotto controllo, il corpo può prendersi cura di se stesso.

Al fine di raggiungere stati superiori di coscienza ci serve equilibrio a tutti i livelli della mente, corpo e spirito. Questo sistema è il nostro stabilizzatore e ci permette di mantenere una corrispondenza vibrazionale tra i nostri mondi interiori ed esteriori.

Proposte di miglioramento per aumento della coscienza in questo sistema:

Sonno ristoratore

Adeguato apporto idrico

Attività fisica regolare

Nutrizione appropriata

Tecniche di riduzione dello stress

Il sistema digerente: Sei nella resistenza?

Il sistema digestivo fornisce un feedback piuttosto rapidamente e le persone tendono ad essere più consapevoli di inefficienze in questo sistema. E’ il vostro intestino pigro e lento o è veloce ed esplosivo? Quando introduciamo alimenti trasformati (industriali, raffinati, cibo-spazzatura, N.d.E.) nel nostro corpo creiamo un onere per gli organi disintossicanti.

Inoltre rendiamo il corpo più acido che è il motivo per cui gli antiacidi sono ampiamente utilizzati e prescritti negli Stati Uniti. Una considerazione importante proviene anche da come trattiamo gli animali e la vegetazione. C’è il loro onore e rispetto nel vostro cibo? Il vostro cibo ha un’impronta energetica negativa? Il cibo che è stato progettato, piuttosto che cresciuto non conterrà tutta la forza vitale, come gli ingredienti naturali fanno. L’infiammazione, e qui molti saranno d’accordo, è il fattore di fondo in tutte le malattie croniche, è il tuo corpo è nella resistenza. Vedrete che come la vostra vibrazione si innalza molti pasti saranno troppo ricchi o troppo pesanti per voi da consumare.

Proposte di miglioramento per aumento della coscienza in questo sistema:

Mangiare cibi integrali, con una preferenza di cibi crudi e ingredienti di origine vegetale

Dieta ricca di fibre, omega 3

Evitare eccessi di caffeina e alcol

Il sistema nervoso: Quali programmi sono in esecuzione?

Il sistema nervoso è responsabile della trasmissione del motore e informazioni sensoriali tra il cervello e il corpo. Come l’informazione viene percepita si basa sull’esperienza, ricordi ed emozioni del passato. Abbiamo programmazione fissata ad ogni livello dal meccanismo base riflesso agli anni di condizionamento. Abbiamo bisogno di pensare al nostro cervello come strumento e usarlo per dirigere il corpo verso il benessere. Ciò richiede di avere maggior coscienza e diventare più consapevoli dei nostri pensieri e, soprattutto, il nostro incessante parlare di sé. I nostri pensieri hanno energia e un impatto reale sul modo in cui il corpo risponde a un evento. Diventando pensatori più consapevoli possiamo diventare guaritori più consapevoli. La creazione di una mente calma creerà un sistema nervoso calmo e ci aiuterà a evitare di impostare limitazioni su ciò che pensiamo sia possibile.

Proposte di miglioramento per aumento della coscienza in questo sistema:

Meditazione

Affermazioni positive

Auto ipnosi

 

Anche se abbiamo parlato di questi sistemi separatamente, essi funzionano in modo cooperativo nel corpo. Se vogliamo davvero esplorare e inserirci nei regni superiori, anche i nostri corpi devono essere pronti per la sfida. Se è vero che tutte le malattie iniziano nel campo energetico e si muovono verso l’interno, poi per guarire, dobbiamo cominciare dal centro verso il bordo esterno. Prestate attenzione a ciascuno di questi sistemi e riportateli in equilibrio, vi stupirà la chiarezza della mente e la vostra capacità di esplorare l’ignoto.

 

FONTE: Questo articolo è ripreso da Om Times Magazine, © [AUGUST 2, 2012], ed è disponibile su http://OMTimes.com/

Autore: Angela Levesque è una fisiologa, educatrice mente/corpo e guaritrice energetica. Visita www.hestiahealth.com per ulteriori informazioni.

Traduzione e adattamento: ESPAVO: LetturaAkashica & TecnicheEnergetiche 

Condividere citando la fonte Crea Buon Karma 🙂

 

blog-espavo-lettura-akashica-guarigione

Guarigione

E’ veramente stimolante testimoniare quanti approcci diversi ed emozionanti ci sono per la guarigione. Eppure, al di là delle differenze, le specialità, la varietà di enfasi sulla guarigione emotiva,  fisica, spirituale o generale, ci sono tre principi di base di cui clienti e praticanti dovrebbero essere a conoscenza.

Primo principio della guarigione

Nessuno guarisce chiunque altro. Un guaritore è colui che facilita la propria auto-guarigione di un individuo. La responsabilità primaria è sempre della persona in cerca di guarigione.

Secondo principio della guarigione

La guarigione, come la vita stessa, è un processo continuo. Non c’è inizio né fine a tutto questo, anche dopo la morte del corpo fisico.

Terzo principio di guarigione:

Nessun unico approccio ad un problema o sintomo può necessariamente risolvere tutti gli aspetti del disagio o malattia percepita. Un metodo che allevia un aspetto non può affrontare altre dimensioni dello squilibrio. Anche se è l’approccio migliore per la situazione attuale, non può essere il metodo più efficace per i prossimi aspetti.

E ‘importante non confondere la guarigione con la cura. Due aspirine possono curare un mal di testa, ma non possono fare nulla per alleviare la causa del mal di testa. Guarire il mal di testa coinvolge identificare la fonte dello squilibrio, se si tratta di fisico, emotivo, o spirituale, o una loro combinazione, e l’adozione di misure per migliorarne la causa. La guarigione significa fare tutto. La Totalità è una questione di equilibrio.

Tutto in natura è in equilibrio fino a che non interferiamo con esso. Purtroppo, oggi ci sono così tanti livelli di interferenza con la natura che può essere difficile distinguere l’equilibrio intrinseco. Allo stesso modo, ci sono tanti fattori che interferiscono con il nostro modo naturale di essere che può essere una sfida tornare in armonia con quella vera natura.

Nessuno guarisce nessun altro

Soprattutto oggi, questo è il più importante dei tre principi. Gli esseri umani hanno la tendenza, a causa del nostro relativamente lungo periodo di dipendenza dai genitori e/o di altri adulti per: la sopravvivenza, culto, seguire, di imitare ed emulare coloro che ci aiutano.

Allo stesso modo, i medici di successo, i terapisti, i sensitivi, chi lavora sul corpo, i nutrizionisti e i leader spirituali sono facilmente sedotti dalla sensazione che è la loro abilità, la formazione, l’intuizione e/o l’orientamento ad essere responsabile per il progresso dei loro clienti.

Il problema è che in termini evolutivi, non siamo più durante l’infanzia, e stiamo rapidamente spostandoci fuori dall’adolescenza. Il pericolo di confondere la guarigione con il guaritore è evidente tutto intorno a noi. Seguire ciecamente il rappresentante di un particolare insieme di credenze sta avendo risultati disastrosi, socialmente e politicamente, oltre che in ambito religioso e spirituale.

Quanti altri leader, guru o guaritori devono essere “esposti” prima che ci rendiamo conto che nessuno ha tutte le risposte per tutti? E che è improbabile che qualsiasi guaritore particolare ha tutte le risposte per ogni individuo?

All’inizio della mia trentennale carriera come psicoterapeuta, pensavo che l’aver ottenuto lauree specialistiche e formazione avanzata era quello che ha fatto di me una consulente efficace.

Poi, un giorno, dopo quello che pensavo fosse stato un particolarmente brillante lavoro, ho chiesto a un cliente quanto di tutto ciò che avevamo fatto insieme aveva fatto la maggior parte della differenza. “Il modo in cui mi hai sorriso quando mi sei venuta incontro” fu la sua risposta.

Che profonda conferma del fatto che non è quello che facciamo, ma quello che siamo che fa la differenza.

La guarigione è un processo continuo

Ogni problematica e/o sintomo che viene cancellato crea lo spazio per una nuova crescita e sviluppo, ogni fase di sviluppo ha le sue sfide. Un unico sintomo può avere molti strati di significati e importanza, e può essere guarita solo, nel momento in cui arriva nel livello di sviluppo psico-spirituale della persona che presenta il problema.

Ci si avvicina alla domanda: “qual è l’origine della vita” in modo diverso con un bambino che con uno scienziato, un leader religioso o un metafisico. La risposta giusta per uno non può soddisfare l’altro. Il tempismo è essenziale.

A volte non conoscere la fonte più profonda di un disagio è necessario e ci protegge. Un bambino dell’Olocausto, ha trascorso quasi trent’anni negando che era una vittima di qualcosa o qualcuno. Il suo ego era troppo fragile per affrontare i ricordi.

Dopo che ha affrontato e guarito le cicatrici da quel vittimismo, è stato in grado di vedere al di là della vergogna e della colpa, e attraverso l’identificazione dei semi dei colpevoli in se stesso, ha trovato empatia con gli abusatori. L’identificazione e la guarigione di lezioni karmiche da vite passate è un work in progress.

Nessun singolo approccio può risolvere tutti gli aspetti di un problema

Corpo, mente e spirito sono intimamente interconnessi attraverso la memoria cellulare. Ciò significa che ogni problema emotivo ha una componente spirituale e fisica, e ogni sintomo fisico ha aspetti emotivi e spirituali. È raro che un solo tipo di metodo di guarigione può risolvere lo squilibrio in tutti i suoi aspetti.

L’elenco dei diversi terapisti, di chi lavora con il corpo, guaritori allopatici e alternativi, sensitivi e leader spirituali coinvolti nella mia guarigione in corso riempirebbe volumi.

Più profondamente guariamo noi stessi, tanto più profondamente possiamo influenzare coloro con i quali siamo in contatto.

Ognuno di noi ha un ruolo unico da svolgere nella guarigione del pianeta. Non abbiamo bisogno di diventare sapientemente addestrati in ogni nuovo approccio. Abbiamo bisogno di essere a conoscenza di antichi, così come emergenti, modalità di guarigione al fine di indirizzare i nostri amici e clienti alle risorse appropriate.

L’Universo offre molte opportunità e metodi di guarigione. Mantenersi aperti a queste variazioni e scoprire quelle che lavorano per noi è responsabilità di tutti.

 

FONTE: Questo articolo è ripreso da Om Times Magazine, © [AUGUST 29, 2012], ed è disponibile su http://OMTimes.com/

Autore: Lisa Raphael

Traduzione e adattamento: ESPAVO: LetturaAkashica & TecnicheEnergetiche

Condividere Crea Buon Karma 🙂

halloween
Halloween, che amiate o meno questa festività con tutto il suo carrozzone di travestimenti a volte stupidi a volte spaventosi, si è da un po’ di anni radicata in Italia. Molti la contestano ferocemente, perchè dicono provochi l’allontanamento dalle vere tradizioni Italiane. Altri affermando che la partecipazione a tali festeggiamenti avvicini a pratiche occulte di magia e satanismo. Ma anche all’interno della Chiesa ci sono opinioni discordanti con parroci che festeggiano Halloween nelle parrocchie e altri che fanno la “caccia alle streghe“.

Ma Halloween è molto più che semplici costumi e caramelle, e poi siete certi che sia arrivata dall’America? La sua storia ricca e interessante vede i suoi natali in Europa. E’ una festa, o celebrazione, che si è mescolata ed ibridata con così tante altre: tradizioni, culti e leggende che oramai le danno una identità e significato totalmente differente dall’intento originario. Oggi a livello consumistico è diventato una sorta di carnevale dell’horror, ma ripercorriamo velocemente le sue origini e trasformazioni.

Samhain vs Halloween

Halloween è nota anche come All Hallows ‘Eve che significa “vigilia di tutti i santi”. E’ una celebrazione che può essere fatta risalire a circa 2000 anni come  festa pre-cristiana celtica che si svolgeva nel periodo del 1° novembre chiamato Samhain (che si pronuncia “SAH-win”), che significa “fine dell’estate” in gaelico.

Poiché  la documentazione è scarsa e frammentaria, l’esatta natura di Samhain non è pienamente compresa, ma è inteso come incontro comunitario annuale alla fine dell’anno con l’ultimo raccolto. Era quindi un momento per raccogliere le risorse per i mesi invernali e portare gli animali indietro dai pascoli. Samhain era anche visto come un momento di comunione con i defunti, secondo il folklorista John Santino.

“C’era la convinzione che si trattava di un giorno in cui gli spiriti dei morti avrebbero attraversato altri mondi“, ha detto J. Santino a LiveScience .

Halloween fornisce un modo sicuro per giocare con il concetto di morte. Le persone si vestono come i morti viventi, e lapidi finte adornano i prati anteriori – attività che non sarebbe tollerata in altri periodi dell’anno.

Ma secondo Nicholas Rogers, professore di storia alla York University di Toronto e autore del libro “Halloween: Da rito pagano a Night Party“, “non ci sono prove concrete che Samhain è stato specificamente dedicato ai morti o al culto degli antenati.

Anche se un collegamento diretto tra Halloween e Samhain non è mai stato provato, molti studiosi ritengono che poiché  il giorno di Tutti i Santi (la cui celebrazione è il 1° novembre) e Samhain sono così vicini sul calendario, è possibile che si siano influenzati l’un l’altro e poi combinati in una celebrazione che ora si chiama Halloween.

Costumi e “trick-or-treat”

La pratica di camuffarsi o travestirsi sembra essere legata al costume medievale di “souling” praticato in passato in Gran Bretagna e in Irlanda. I poveri, specialmente bambini, bussavano alle porte per la festa di Ognissanti, chiedendo del il cibo. In particolare la moneta di scambio era un pezzo di “soul cake”, ovvero la torta dell’anima tipica di questa festività. In cambio offrivano preghiere per i defunti della famiglia con l’intento di aiutare l’anima del defunto a lasciare il purgatorio (umbral).

La tradizione di giocare brutti scherzi a Halloween si è insediata verso la fine del 1800 negli Stati Uniti e in Canada. Ma dagli anni 1920 e ’30, i festeggiamenti erano indisciplinati e simili ad atti di vandalismo.

Alcune persone credono che poiché questo “scherzare” stava iniziando a diventare pericoloso e fuori controllo, i genitori e i capi delle città hanno cominciato ad incoraggiare il tra-vestirsi e il “trick-or-treat” come un’alternativa sicura al fare scherzi.

La jack-o’-lanterna: ovvero la Zucca di Halloween e altri simboli

Il simbolo indiscusso di Halloween è sicuramente la zucca intagliata con all’interno delle candele,  usanza che si rifà ad una tradizione irlandese.

La versione breve della leggenda narra che un uomo di nome Jack avesse incastrato il diavolo intrappolandolo su un albero in cui aveva inciso una croce. Quando Jack morì non andò in Paradiso né all’Inferno ma rimase intrappolato in una sorta di limbo circondato dalle tenebre. Il diavolo, visto che Jack l’aveva fatto scendere dall’albero, gli regalò un tizzone ardente per poter vedere dove andava. Jack svuotò un cavolo, usato in Irlanda, e ci mise dentro il tizzone.

Con l’arrivo dei migranti Irlandesi in America il cavolo è stato sostituito con la più diffusa, grossa e arancione zucca. Per gli altri simboli: pipistrelli, gatti neri, streghe ecc. ecc., centrano le influenze medioevali del periodo dell’inquisizione, in cui si credeva che in questa notte le streghe invocassero il demonio ed usassero sangue di pipistrello per lanciare i loro incantesimi.

Halloween si o Halloween no?

Polemiche e tradizioni a parte, come in tutte le cose deve prevalere il buon senso e il discernimento. Ognuno viva e creda in questo giorno quello che vuole, purché ci sia sempre il rispetto per gli altri e per il bene supremo. Sicuramente, visto tutto quello che questa festività smuove in termini di partecipazione e celebrazioni, entrano in gioco delle potenti energie. Ricordate però che l’energia è neutra ed è il nostro intento che le da una polarità. Quindi celebrate pure come volete, ma abbiatene consapevolezza.